Passa ai contenuti principali

Tonificare il petto con 9,99 euro!

Cari naviganti e cari prosumers,
non sto pubblicando storie sul blog "I racconti della fata uncina" perché sono alle prese con la rilettura del mio primo romanzo; inoltre, mentre gran parte delle persone si lascia coccolare dal sole da quando l'estate é iniziata, io appartengo alla schiera di coloro che il mare lo hanno visto solo tramite le foto condivise sui principali social network. Ad ogni modo, sto facendo il countdown vacanze e nel frattempo continuo a prendermi cura del mio corpo. L'altro giorno sono andata a fare shopping da Decathlon e ho comprato le push-up burs per allenare braccia e petto.
Il costo è irrisorio, solo 9,99 euro, e per quello che mi riguarda ne vale la pena. Certo. Che cosa ne vuole sapere un'appassionata di home fitness di quale attrezzo è più giusto? Io vi racconto la mia esperienza e vi dico che i muscoli di spalle, petto e braccia lavorano sul serio. Ecco come mi sono allenata con le push-up burs:
1. Ho fatto 5 minuti di riscaldamento con la corda;
2. Ho posizionato le push-up burs sopra il tappetino di gomma;
3. Ho appoggiato le mani sulle comode impugnature ergonomiche, contratto gli addominali e steso le gambe con i talloni distanziati di circa 5 centimetri (esperti del settore, chiedo a voi: é giusta questa distanza?)
4. Senza distendere completamente le braccia durante la risalita, ho eseguito 10 piegamenti e mi sono fermata perché già mi bruciavano i pettorali e i muscoli delle braccia. Dopo una pausa di 30 secondi, ho eseguito una nuova serie, ma di piegamenti ne ho fatti solo 6; l'ultima solo 4! Questo significa che ho realmente fatto fatica e stimolato i muscoli della parte alta del corpo (quando eseguo dei piegamenti a corpo libero, riesco a fare 3 serie da 15/20 ripetizioni e, quindi, se con le push-up bars sono riuscita ad eseguirne un numero minore, vuol dire che funzionano!)
5. Ho eseguito la restante parte dell'allenamento per addome, gambe e glutei;
6. Il mio voto alle push-up bars è 9, proprio come il costo. Credo che le metteró in valigia partirò per le vacanze.
7. Ovviamente, le push-up bars vanno bene per chi vuole tonificare il corpo e stare in forma. Se aspirate a risultati da body building dovete ricorrere a macchine e allenamenti più sofisticati e affidarvi agli esperti del settore.
Spero presto di pubblicare un nuovo racconto.
Un saluto e alla prossima lampadina!
La fata uncina.

Post popolari in questo blog

Fate coraggiose: il sogno di scrittrice di Claudia Porta

Ci sono dei piccoli grandi sogni che a volte si trasformano in realtà come quello di Claudia Porta che, sin da bambina, ha sempre desiderato fare la scrittrice. Oggi è mamma, blogger, autrice, Zen Life Coach e insegnante di Yoga e Meditazione.




Claudia è una fata coraggiosa perché rappresenta l'esempio che i sogni non si lasciano nel cassetto, ma si tirano fuori e si indossano fino a quando non si trasformano nella nostra stessa pelle. Come lei stessa scrive nel suo blog La casa nella prateria, ha cercato di trovare un compresso tra le sue ambizioni artistiche e la necessità di avere una propria indipendenza economica. In che modo? Studiando da traduttrice e coltivando un'altra sua passione: le lingue straniere. Claudia si è specializzata in inglese, francese e spagnolo, trasferendosi all'estero per perfezionarne la conoscenza, senza mai abbandonare il desiderio di diventare una scrittrice, che ha ricominciato a coltivare una volta tornata in Italia, ma con scarso suc…

SweetCrazyBakery: il foodblog di una mamma amante delle ricette semplici e genuine

SweetCrazyBakeryè protagonista del nuovo post della rubrica Fate coraggiose. Si tratta di un foodblog gestito da una mamma amante delle ricette semplici e genuine, che ogni giorno si reinventa con la propria passione per la cucina e per la scrittura condividendole su Instagram.
«Una fata coraggiosa è una donna che dopo una giornata estenuante trova la forza e l'energia per donare qualcosa alla sua famiglia e alla sua casa, che mette da parte la stanchezza e il malumore del lavoro, donando un sorriso a suo marito e ai suoi figli, senza farsi subito travolgere dalle cose da fare e  dai problemi da affrontare».  Queste le parole della mente rosa che ha creato SweetCrazyBakery, quella di una mamma che ha la stoffa di una Fata coraggiosa.



SweetCrazyBakery è un blog nato dal bisogno di una mamma di educare i propri figli all'amore per il cibo, cucinando dolci belli e divertenti da vedere, facili da preparare e da condividere on line con tutte le mamme che, ogni giorno, si dividono t…

Puppy. Un gatto nero allegro e positivo

Puppy era sempre allegro, sorrideva al mondo anche quando stava per cadere. Il suo spirito positivo discendeva da antenati hawaiani e ne andava molto fiero. Quanto si divertiva a saltellare da un tetto all'altro solo lui poteva dirlo. Arrivava all'apice della felicità quando trovava una scodella con pesce e avanzi di suo gradimento proprio sul ponticello dove abitava; peccato che non riusciva mai a saziare la sua fame perché tutte le attenzioni erano rivolte ai gattini bianchi. Arrivò un temporale e Puppy si spaventò al punto tale da arrivare fino all'ultimo piano di un palazzo di città; aveva una zampetta slogata e nessuno osava avvicinarsi a causa del suo pelo nero. I lacrimoni danzavano con i suoi baffetti e gli impedivano di guardarsi intorno. Ad un tratto, sentì gridare una donna al piano sottostante: 
《Aiuto! C'è un'invasione di topi. Qualcuno mi aiuti》.
 Pur avendo la zampetta slogata, Puppy trovò la forza di saltare nella finestra della donna, per fortuna aperta…