Passa ai contenuti principali

Storia di una ladra di vendette. Terza Puntata.

Un orologio che mi è stato regalato e che non ho mai messo al polso perché il colore non mi piaceva, ora improvvisamente mi piace. Mi manca il coraggio di indossarlo perché mi fu regalato in un momento molto particolare della mia vita: ero nell'ultimo anno in cui potevo essere considerata una teenager e tutte le cose le lasciavo giudicare dalle tendenze del momento, inclusa la musica che ascoltavo.
Sono sicura che molte delle ragazze che hanno superato i venticinque anni si rispecchiano in queste mie parole. Noi non abbiamo vissuto un'adolescenza fatta di brand e di fashion blogger, ma anche per noi l'opinione altrui contava, eccome se contava. Se non conoscevi l'ultimo video musicale dei Backstreet Boys, se non sapevi chi erano Britney Spears e Cristina Aguilera, non eri nessuno; c'erano poi quelli che giocavano con Tomb Raider e Crash Bandicoot e conoscevano tutti i trucchi, mentre qualcun altro faceva il fighetto giocando con Metal Gear.
Ebbene, il mio nome e il mio cognome furono un incubo per me, tutti mi prendevano in giro e si divertivano a lanciarmi le palline di carta. Mi aprivano anche lo zaino e, già che ci penso, mi sento fortunata a non aver trascorso l'adolescenza nell'era dei Social Network perché altrimenti sarei stata vittima di cyberbulli.
Sapete che cosa penso? Che quando si chiede una risposta, un segno a Dio, la musica è di grande aiuto. Sono certa che sia così e per farvelo capire voglio raccontarvi brevemente un piccolo aneddoto: l'estate 2015 era ufficialmente finita. Pioveva e avevo fatto il cambio di stagione. Tra scatoloni e valigie che cosa è sbucato fuori? Un impermeabile azzurro della Phard. Ve lo ricordate questo marchio? Quando ero adolescente, tutte le ragazze che vestivano Phard oppure Onyx dalla testa ai piedi erano considerate al Top, erano fighe! Mentre mi entusiasmavo per aver ritrovato quell'impermeabile, su Spotify hanno passato Heaven di Brian Adams. Avevo diciannove anni quando ascoltavo ininterrottamente questa canzone immaginando di trovare l'amore della mia vita. Non l'ho mai trovato, ma questo già lo sapete. Insomma, di acqua sotto ai ponti ne è passata e adesso sono una persona nuova. Mi guardo indietro e mi dico che forse, dopo anni di immobilità e passività, finalmente sto lottando per i miei sogni. Ho capito che il treno del destino non si aspetta e non arriva mai perché è la nostra forza di volontà ad essere il mezzo di trasporto verso i nostri scopi. Il vero autista dei sogni che diventano realtà siamo noi stessi.
Coscienza? Grazie alla Tonepane ho capito che la notte si dorme tranquilli e sereni quando il fine giustifica realmente i mezzi. Mi rendo conto di aver commesso uno sbaglio, ma non ho potuto fare altrimenti perché cause apparentemente inspiegabili mi hanno servito sul piatto d'argento la possibilità di dare un taglio definitivo al mio passato. Questi sono i pensieri che affollano la mia mente insieme alla scelta degli abiti da indossare per la sfilata di moda alla quale prenderò parte. Sto già godendo al solo pensiero di vedere che faccia farà quella grande stronza quando vedrà crollare tutti i suoi castelli di sabbia. Lascerò che i suoi scheletri escano spontaneamente dall'armadio. Siete pronti a ridere come non avete fatto mai?
Intanto, se volete sapere come ho fatto a rimettermi in forma, leggete questo post


Vostra,
Miracolosamente Pia.




Post popolari in questo blog

Fate coraggiose: il sogno di scrittrice di Claudia Porta

Ci sono dei piccoli grandi sogni che a volte si trasformano in realtà come quello di Claudia Porta che, sin da bambina, ha sempre desiderato fare la scrittrice. Oggi è mamma, blogger, autrice, Zen Life Coach e insegnante di Yoga e Meditazione.




Claudia è una fata coraggiosa perché rappresenta l'esempio che i sogni non si lasciano nel cassetto, ma si tirano fuori e si indossano fino a quando non si trasformano nella nostra stessa pelle. Come lei stessa scrive nel suo blog La casa nella prateria, ha cercato di trovare un compresso tra le sue ambizioni artistiche e la necessità di avere una propria indipendenza economica. In che modo? Studiando da traduttrice e coltivando un'altra sua passione: le lingue straniere. Claudia si è specializzata in inglese, francese e spagnolo, trasferendosi all'estero per perfezionarne la conoscenza, senza mai abbandonare il desiderio di diventare una scrittrice, che ha ricominciato a coltivare una volta tornata in Italia, ma con scarso suc…

SweetCrazyBakery: il foodblog di una mamma amante delle ricette semplici e genuine

SweetCrazyBakeryè protagonista del nuovo post della rubrica Fate coraggiose. Si tratta di un foodblog gestito da una mamma amante delle ricette semplici e genuine, che ogni giorno si reinventa con la propria passione per la cucina e per la scrittura condividendole su Instagram.
«Una fata coraggiosa è una donna che dopo una giornata estenuante trova la forza e l'energia per donare qualcosa alla sua famiglia e alla sua casa, che mette da parte la stanchezza e il malumore del lavoro, donando un sorriso a suo marito e ai suoi figli, senza farsi subito travolgere dalle cose da fare e  dai problemi da affrontare».  Queste le parole della mente rosa che ha creato SweetCrazyBakery, quella di una mamma che ha la stoffa di una Fata coraggiosa.



SweetCrazyBakery è un blog nato dal bisogno di una mamma di educare i propri figli all'amore per il cibo, cucinando dolci belli e divertenti da vedere, facili da preparare e da condividere on line con tutte le mamme che, ogni giorno, si dividono t…

Puppy. Un gatto nero allegro e positivo

Puppy era sempre allegro, sorrideva al mondo anche quando stava per cadere. Il suo spirito positivo discendeva da antenati hawaiani e ne andava molto fiero. Quanto si divertiva a saltellare da un tetto all'altro solo lui poteva dirlo. Arrivava all'apice della felicità quando trovava una scodella con pesce e avanzi di suo gradimento proprio sul ponticello dove abitava; peccato che non riusciva mai a saziare la sua fame perché tutte le attenzioni erano rivolte ai gattini bianchi. Arrivò un temporale e Puppy si spaventò al punto tale da arrivare fino all'ultimo piano di un palazzo di città; aveva una zampetta slogata e nessuno osava avvicinarsi a causa del suo pelo nero. I lacrimoni danzavano con i suoi baffetti e gli impedivano di guardarsi intorno. Ad un tratto, sentì gridare una donna al piano sottostante: 
《Aiuto! C'è un'invasione di topi. Qualcuno mi aiuti》.
 Pur avendo la zampetta slogata, Puppy trovò la forza di saltare nella finestra della donna, per fortuna aperta…