Passa ai contenuti principali

Tè verde e pasticcini: il blog nato da un film




Gradite una tazza di tè verde e pasticcini? Io si. In verità, vorrei fare il bis perché ho conosciuto la fata coraggiosa di questa settimana: Flavia che ha trovato il suo scopo di vita guardando un film che ha ispirato la nascita del blog Tè verde e pasticcini.
Il suo è uno spazio virtuale che, oltre a farvi venire tanta tanta fame, vi apre una finestra sul mondo tra viaggi e lifestyle attraverso post mai banali e foto ipnotiche e accattivanti che rapiscono al punto tale da non poter fare a meno di lasciare un cuoricino e leggere ogni singola parola.

Flavia nei pressi di  Zaanse Schans, Olanda. 

Tutto inizia quando la fata coraggiosa amante del tè verde trascorre una serata in compagnia del film Julie and Giulia, la cui protagonista sembra essere una proiezione delle future food blogger di oggi. Più il film incalzava e più Flavia aveva l'impressione che fosse ispirato a qualcosa di suo perché la protagonista è un po' naif, proprio come lei; così, tra un pop corn è l'altro, la fata coraggiosa protagonista di questo post ha avuto la lampadina: condividere e scrivere era il suo destino. Il nome del blog è sorto quasi spontaneamente perché, come mi ha spiegato durante l'intervista, in quel periodo ne beveva a litri. Un tributo obbligato con dei pasticcini che aprono le porte di un angolo virtuale e personale arredato con uno sguardo curioso alla realtà, un po' distratto, ma sempre stupito da ciò che è nuovo e interessante.


Un solo pensiero e mille azioni compiute da una fata coraggiosa



Quella di Flavia è una vera storia al femminile, quella di una giovane donna dei nostri tempi che, con una laurea in Archeologia e una passione per cibo, viaggi e lifestyle, ha unito i suoi talenti e le sue conoscenze per rendere profittevole la sua piccola grande idea, che ogni giorno tiene compagnia a migliaia di instagramers con ricette, storie di viaggi e simpatiche riflessioni, spesso ispirate ai più grandi autori della letteratura. 
Molto schiette e dirette sono state le sue parole sul significato di fata coraggiosa:


    «Per me una fata coraggiosa è quella donna sicura di sè, risoluta, che cade ma si rialza, piena di entusiasmo e voglia di creare e ammiro molto tutti coloro che hanno il coraggio di costruirsi da zero, sia donne che uomini».


Queste parole sono cariche di sincerità perché Flavia investe molto del suo tempo quotidiano a coltivare Tè verde e pasticcini come una camellia sinensis Kuntze da innaffiare con testi da creare, foto da editare, documenti da riempire, mail a cui rispondere ed eventi, moltissimi eventi a cui partecipare. È proprio questo entusiasmo, unito a tanta sincerità, a rendere unico questo blog rispetto ad altri simili e a catturare la fiducia di tanti affezionati lettori, me compresa. Lei stessa mi ha detto:

    «Autenticità e genuinità unite a tanto impegno e costanza sono gli ingredienti imprescindibili. Mi piace creare, condividere e soprattutto scrivere, ma ancor di più amo che quello che era un hobby si stia trasformando in un lavoro che non mi stanca mai».




La granola fatta in casa da Flavia per una colazione salutare, gustosa e alternativa.



La Rete è piena di foodblogger tra instagram e altri social, eppure quello di Flavia colpisce per il mix di contenuti elaborati che, nonostante tutto, sono carichi di semplicità e non stancano mai, lasciano gli occhi incollati sullo schermo, ti ipnotizzano. A tal riguardo, Flavia mi ha raccontato:


«Il blog e i miei social rappresentano ciò che vorrei trovare in un profilo ideale: spunti e appunti corredati da foto belle. Credo che chi mi segue apprezzi questa combo perché riesce a trovare tutto ciò che serve in un colpo solo!».






Dal mondo on line alla city guide off line: se non ci fossero i blog...




«Esiste un Te verde e pasticcini off line, fatto da una miriade di quadernini e fotografie e scarabocchi. Se non esistesse il blog? Probabilmente farei carte false per scrivere su qualche city guide».




Tra dipendenza tecnologica e colazione sostanziosa...



La serie tv Black mirror ha portato sullo schermo le mille sfaccettature della tecnologia, dalla dipendenza alla diffusione di massa di contenuti che difficilmente si possono cancellare. Flavia ha le idee chiare riguardo al desiderio di rivalsa e alla vanità che molti utenti manifestano con il desiderio di ricevere una miriade di like:
«Parto dal presupposto che a tutti piace che il proprio lavoro venga apprezzato, ma da qui a dipendere da un like in più sui social mi pare davvero un'esagerazione!»


Tra un viaggio e un evento, Tè verde e pasticcini inaugura la giornata di molti utenti con post dedicati al pasto più importante della giornata: la colazione. Trovate una vera e propria credenza virtuale dei biscotti, con dolciumi, torte e tazzoni di latte di ogni genere, che mi hanno fatto sorgere il solito dubbio: Flavia mangerà davvero tutte quelle cose? E dove le mette? Come fa a non diventare tutta ciccia e brufoli?


    «E' una domanda che mi fanno in molti! Diciamo che mi piace condividere e che faccio molto sport e se fossi una fatina con una bacchetta magica la userei per ripulire in un lampo la cucina ogni volta che pastrocchio ai fornelli!!»


Una delle insalatone creative che trovate sul blog Tè verde e pasticcini



Viaggiare e condividere le emozioni...

Un viaggio in compagnia di Flavia sarebbe davvero pieno di sorprese e di tante cose nuove da scoprire insieme. Sto facendo un semplice viaggio mentale, eppure già intravedo corse per i prati e arrampicate sugli alberi in compagnia di questa fata coraggiosa che ha concluso la veloce e intensa intervista con queste parole:


«Viaggiare è il mio modo per sentirmi libera, raccogliere, sognare, farmi ispirare e poi raccontare. Credo che ormai sia chiaro che la mia parola d'ordine sia condividere».


L'energia di Flavia in poche righe: oggi ci vuole colore, decisamente.
E vitamina C.
E magari un altro mazzolin di fiori.





Post popolari in questo blog

Fate coraggiose: il sogno di scrittrice di Claudia Porta

Ci sono dei piccoli grandi sogni che a volte si trasformano in realtà come quello di Claudia Porta che, sin da bambina, ha sempre desiderato fare la scrittrice. Oggi è mamma, blogger, autrice, Zen Life Coach e insegnante di Yoga e Meditazione.




Claudia è una fata coraggiosa perché rappresenta l'esempio che i sogni non si lasciano nel cassetto, ma si tirano fuori e si indossano fino a quando non si trasformano nella nostra stessa pelle. Come lei stessa scrive nel suo blog La casa nella prateria, ha cercato di trovare un compresso tra le sue ambizioni artistiche e la necessità di avere una propria indipendenza economica. In che modo? Studiando da traduttrice e coltivando un'altra sua passione: le lingue straniere. Claudia si è specializzata in inglese, francese e spagnolo, trasferendosi all'estero per perfezionarne la conoscenza, senza mai abbandonare il desiderio di diventare una scrittrice, che ha ricominciato a coltivare una volta tornata in Italia, ma con scarso suc…

SweetCrazyBakery: il foodblog di una mamma amante delle ricette semplici e genuine

SweetCrazyBakeryè protagonista del nuovo post della rubrica Fate coraggiose. Si tratta di un foodblog gestito da una mamma amante delle ricette semplici e genuine, che ogni giorno si reinventa con la propria passione per la cucina e per la scrittura condividendole su Instagram.
«Una fata coraggiosa è una donna che dopo una giornata estenuante trova la forza e l'energia per donare qualcosa alla sua famiglia e alla sua casa, che mette da parte la stanchezza e il malumore del lavoro, donando un sorriso a suo marito e ai suoi figli, senza farsi subito travolgere dalle cose da fare e  dai problemi da affrontare».  Queste le parole della mente rosa che ha creato SweetCrazyBakery, quella di una mamma che ha la stoffa di una Fata coraggiosa.



SweetCrazyBakery è un blog nato dal bisogno di una mamma di educare i propri figli all'amore per il cibo, cucinando dolci belli e divertenti da vedere, facili da preparare e da condividere on line con tutte le mamme che, ogni giorno, si dividono t…

Puppy. Un gatto nero allegro e positivo

Puppy era sempre allegro, sorrideva al mondo anche quando stava per cadere. Il suo spirito positivo discendeva da antenati hawaiani e ne andava molto fiero. Quanto si divertiva a saltellare da un tetto all'altro solo lui poteva dirlo. Arrivava all'apice della felicità quando trovava una scodella con pesce e avanzi di suo gradimento proprio sul ponticello dove abitava; peccato che non riusciva mai a saziare la sua fame perché tutte le attenzioni erano rivolte ai gattini bianchi. Arrivò un temporale e Puppy si spaventò al punto tale da arrivare fino all'ultimo piano di un palazzo di città; aveva una zampetta slogata e nessuno osava avvicinarsi a causa del suo pelo nero. I lacrimoni danzavano con i suoi baffetti e gli impedivano di guardarsi intorno. Ad un tratto, sentì gridare una donna al piano sottostante: 
《Aiuto! C'è un'invasione di topi. Qualcuno mi aiuti》.
 Pur avendo la zampetta slogata, Puppy trovò la forza di saltare nella finestra della donna, per fortuna aperta…