Passa ai contenuti principali

SUGARFREE - IV PARTE



Ph. Antonio Natalino
L'aria è più calda, le gambe femminili si destreggiano tra gonne svolazzanti, le braccia maschili mostrano la peluria e il frutto di un lungo periodo trascorso in palestra a farsi belli. La distrazione viene risolta con la scia di profumo di lavanda che donne mature lasciano camminando. Il sorriso ritorna nell'osservare i bambini fare qualcosa per la prima volta. Anche i media lo sanno e comunicano a gran voce che mezza parte del mondo è passata ad un'altra stagione.
Una voce decisa, elegante e rassicurante recita: CHIUDERE GLI OCCHI. APRIRE LA MENTE. GUSTARE. É uno spot partito in automatico dal video di una piattaforma di sharing content. Samantha tentenna un po' e poi realizza con stupore che si tratta delle parole nascoste nella busta trovata a casa del suo ex vicino. Come erano finite in uno spot? Da ormai un mese aveva abbandonato quella strana avventura convinta che, prima o poi, avrebbe scoperto dove fosse finito Greg. Nonostante il turbamento causato dall'aver sentito quella frase in uno spot, decide di non indagare. Il tempo è poco. Deve prepararsi in fretta per andare a lavoro. Anzi è quasi pronta. Deve solo indossare scarpe, orecchini e il profumo che ha da poco comprato con il primo stipendio. Lavora da poco più di un mese presso un ufficio in Rue de Vinigraire, 208. Ha un buon ruolo. Non è quello che sogna, ma ci è molto vicina.
Prima di uscire di casa rivede lo spot, riascolta lentamente ogni singola parola. Si tratta proprio delle famose parole!
Esce di casa. Chiude la porta a chiave. Qualcosa blocca i suoi passi.

Ph. Antonio Natalino



Un lembo della sua gonna color corallo è rimasto impigliato nella porta. Con la mano ben curata e abbellita con un anellino dorato e lo smalto bianco riesce a liberarsi. Scende le scale con calma. Ha imparato la strada e non ha bisogno di prendere mezzi pubblici per arrivarci.
Ormai, non ha più bisogno della sua  playlist di motivazione. I pensieri che le affollano la mente bastano e avanzano per tenerle compagnia. Cammina per le vie della città, guarda i negozi e rimane colpita da un abito giallo in vetrina. Sul vetro vede riflesse di nuovo le parole CHIUDERE GLI OCCHI. APRIRE LA MENTE. GUSTARE. Si volta: un cartellone pubblicitario enorme raffigura una modella dalle labbra carnose e i capelli scuri che addenta un tortino. Si tratta del  tortino della felicità che stimola il palato e apre la mente.
Chi aveva rubato quel messaggio? Possibile che un mese fa quelle parole siano finite nelle mani di una mente creativa? Pare di si. Quando il gatto di Greg ha fatto volare via la busta, ha fatto in modo di farlo arrivare nel posto giusto.
Cento fotocopie con una frase che di li a poco avrebbe cambiato la vita ad un impiegato in cerca di riprova e riconoscimento sociale. Un genio in attesa della grande idea che gli avrebbe permesso di dare una svolta alla sua carriera. Si. Il giovane impiegato aveva visto in quel messaggio letteralmente volato dal cielo un segno del destino. L'idea da proporre alla prossima riunione. L'idea per uno spot. Di lì a poco avrebbe dovuto giocare le carte del destino per promuovere un nuovo prodotto dolciario. Così fu. Non intenzionalmente ma avvenne un miracolo. I colleghi e il capo in persona scambiarono infatti quelle cento fotocopie come una guerrilla di idee.
Il tortino della felicità divenne famoso in tutta la Francia. Ecco come sono andate le cose. Almeno è questa la ricostruzione dei fatti che Samantha è riuscita a generare. La graziosa italiana inizia a capire che c'è qualcosa da scoprire e per farlo deve assolutamente mettersi in contatto con l'autore dello spot. Questo il pensiero che le tiene compagnia tutto il giorno. La pausa pranzo, momento dedicato a pianificare la sua vita, quel giorno si trasforma in un'ora di riflessione. Giunge ad una conclusione: quelle parole non possono essere nocive, ma solo persuasive.
La giornata trascorre in fretta e finalmente arriva il momento di tornare a casa. Prende la metropolitana per arrivare in anticipo al supermercato. Sul ciglio del marciapiede c'è un clochard seduto a bere del vino. A un metro da lui c'è l'ingresso del supermercato. Prende il carrello. All'interno c'è un volantino con le offerte. Tortino della felicità a soli 2 euro.
Tortino della felicità?!!!!!
Samantha si fionda verso il reparto dolciario per vedere da vicino il prodotto. Attraversa il reparto carta. Non c'è nessuno. Si sposta verso quello dei detersivi. Non c'è nessuno. Si sente solo l'eco di grasse risate.
Arriva al reparto dolciario. Confezioni aperte gettate per terra, persone sedute qui e lì, altre stese con la bocca sporca di cioccolato e briciole. Tutte beate con in mano il tortino della felicità. Tutte con gli occhi chiusi. Qualcosa non quadra.
Suona il cellulare di Samantha. Una notifica.


Ph. Antonio Natalino


Un messaggio da un numero sconosciuto:
«Ciao Samantha. Sono felice di sentirti. Noto con piacere che sei venuta a verificare che sia tutto ok. Il Tortino della Felicità è una mia invenzione. Ho lavorato sodo con lo zucchero ma sono riuscito a creare qualcosa di sbalorditivo. Mi rendo conto che viene l'acquolina in bocca solo a guardarlo ma ti chiedo la cortesia di non assaggiarlo fino a quando non avrai la soluzione. Saluti,  Greg ».


Post popolari in questo blog

Una città magica accoglie il prodigio di San Gennaro

Cari naviganti e cari prosumer, vi piacerebbe assistere a un grande prodigio? C’è un posto nel mondo dove, per ben tre volte nel giro di un anno, avviene qualcosa di magico. È un luogo ricco di castelli, di storia, mito e tradizione e c’è chi giura di aver persino visto alcuni fantasmi aggirarsi per le strade principali nel cuore della notte. State pensando a Hogwartslo so, ma il luogo in questione è Napoli e sta a voi scegliere di raggiungerla tramite il binario 9 e ¾, con il Nottetempo o con altri mezzi. L’importante è trovarsi in una delle città più magiche del mondo il 19 Settembre: festa di San Gennaro, santo patrono di Napoli.
Gran parte dei napoletani attende trepidante il 19 settembre perché è in questo giorno che San Gennaro compie un grande miracolo: scioglie il suo sangue, segno di buon auspicio per la città. Folle di fedeli e curiosi accorrono ogni anno al Duomo di Napoli per assistere al prodigio, scatenando discussioni di stampo antropologico, sociologico, religioso e scie…

5 curiosità sul libro e sul film "La Storia Infinita"

Cari naviganti e cari prosumer,
credetemi, La Storia Infinita, titolo originale Die unendliche Geschichte e meglio nota con il titoloThe Neverending Story,è davvero il libro dei libri per chi ama questo genere di letture. Voi, io e tanti altri nemmeno ancora eravamo nati né quando è stato pubblicato il libro (1979) né quando è uscito il film, che fece arricciare il naso allo scrittore Michael Ende, ma è una storia che chiunque dovrebbe conoscere e leggere almeno una volta nella vita, a qualsiasi età. Il contenuto che state per leggere è nato pensando alla nostalgia della dolce infanzia passata a sognare, come voi, di trovarmi al posto di Bastiano Baldassare Bucci per salvare Fantasia e l'Infanta Imperatrice. Così, facendo qualche ricerca, ho trovato un simpatico post pubblicato sul blog 80’s Kids e ho pensato di condividere con voi 5 curiosità sulla Storia Infinita;se poi iniziate a canticchiare “The neverending stoooooooooooooooooooryyy” non dite che non vi avevo avvertito. Che cos…

Il club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey

Cari naviganti e cari prosumer,   la buccia di patata che cosa vi fa venire in mente? Da quando ho visto un meraviglioso film tratto dal romanzo di Mary Ann Shaffer e Annie Barrows, penso a una sola cosa: Il club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey. Le storie contenute nei libri sono sempre più belle rispetto al riadattamento cinematografico, salvo alcuni casi in cui il film apporta un valore aggiunto, riuscendo a stuzzicare la voglia di saperne di più leggendo un libro. Penso a Storia di una ladra di libri (Markus Zusak),Harry Potter (J. K. Rowling), Grand Budapest Hotel (tratto dalle storie di Stefan Zweig), Lo cunto de li cunti(Gian Battista Basile),La storia infinita (Michael Ende), per citarne giusto qualcuno. Direi che sono lungometraggi che arricchiscono la già bellissima storia del libro dal quale sono tratti e che lasciano con la pace nel cuore, quasi aiutano a completare l’immagine dei personaggi che ci siamo costruiti nella mente lettura dopo lettura; per q…

Fare o non fare, non c'è provare se vuoi scrivere un libro

Cari naviganti e cari prosumer, vi piacerebbe leggere un racconto fantastico fuori dagli schemi e scoprire un’insolita dimensione di Napoli? Un anno fa, un piccolo numero di lettori ha iniziato a farlo e altri ancora lo hanno fatto questa estate. Un libro promette di regalarvi ore e giorni di evasione con la storia che racconta, spingendovi ad arrivare fino alla fine.  Il racconto del quale vi sto parlando è nato tanto tempo fa ed è per me la prova di quanto siano importanti le scelte che decidete di compiere adesso, senza aspettare di fare tutto domani, tra un mese o forse mai. Ho imparato che è inutile aspettare la perfezione totale, soprattutto quando siete appena all’inizio di un nuovo cammino perché sarà inevitabile inciampare in errori, passi da compiere in un momento diverso e così via; il fatto è che è proprio grazie a questi piccoli errori che potete avere l’occasione di comprendere qual è la direzione giusta da prendere e correggere la linea che state seguendo. Va anche detto …