Gli squat a Parigi

Passa ai contenuti principali

Gli squat a Parigi

Cari naviganti e cari prosumer,
 tra un racconto e l’altro, mi impegno ogni giorno a trovare del tempo utile da dedicare al mio aspetto fisico. 
Che soluzioni trovo per allenarmi quando sono in vacanza o in viaggio in giro per il mondo? La risposta é semplice: mi servo di tutto ciò che mi  circonda e del mio corpo.
Mi viene in mente, per esempio, l’allenamento per i glutei che ho effettuato quando sono stata a Parigi. Vivevo in una casetta piccolissima, un monolocale per la precisione.
Ero alle prese con la bozza di Sugarfree e passavo tante ore affacciata alla finestrella bianca a guardare il Canal  Saint Martin in cerca di ispirazione. Faceva molto caldo e trovavo ristoro dal freddo marmo del davanzale; da lì mi è venuta la lampadina per allenare i glutei.  Ho provato a fare una decina di squat in accosciata e mi sono accorta che i muscoli  lavoravano nel modo giusto. Come ho fatto?
1) Ho messo un po' di buona musica. 
2) Mi sono posizionata a circa 20 cm dal davanzale della finestra (e che vista da lì!), 
3) Ho cercato su Youtube qualche tutorial utile che mi spiegasse la corretta esecuzione degli squat. 
3) Ho divaricato le gambe alla stessa larghezza delle spalle e ho cominciato a fare su e giù come se volessi appoggiarmi su una sedia invisibile. Ho eseguito 4 serie da 20 ripetizioni. 
4) Per sostituire la corsa, ho fatto  su e giù per le scale a chiocciola dell'edificio per tre volte (Occhio a non dimenticare le chiavi!) Certo, avrei potuto fare una bella passeggiata, ma non potevo perché Samantha Rubieno si stava stagliando nella mia mente e dovevo darle forma e corpo.
Ho eseguito questo esercizio a giorni alterni e sono tornata nella mia Napoli con un nuovo racconto e un lato b da urlo!
Se siete curiosi, vi indico qui di seguito il link della prima puntata di Sugarfree:
http://iraccontidellafatauncina.blogspot.it/2013/01/sugarfree.html
(Si accettano commenti :) )
Alla prossima lampadina!
Baci, baci, la fata uncina.

Post popolari in questo blog

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Dieci buoni propositi per il nuovo anno degli aspiranti scrittori

Cari naviganti e cari prosumer, sembrava tanto lontano e, invece, eccoci insieme a celebrare il primo giorno del 2018 pensando ai dieci buoni propositi da realizzare nel nuovo anno. Questo giorno per me oggi è carico di una magia chiamata Parigi, dove mi trovo in queste settimane per passeggiare nei luoghi dove di solito Greta Le Clerc fa shopping. Questo blog è nato per pubblicare racconti a puntate, per parlare di viaggi e condividere pezzi di creatività. Poi, le cose hanno preso una piega così particolare da non saperne dare una definizione precisa; chi di voi mi segue sa che di viaggi si è parlato non molto, ma di racconti ne sono stati pubblicati tanti, uno dei più gettonati è Sugarfree, ambientato proprio qui nella città dell’amore. Mai avrei pensato di scrivere in prima persona sul blog né di incontrare e far nascere le fate coraggiose, alle quali sono sempre più affezionata. 
Quante cose del 2017 avete deciso di portare con voi nel 2018? Io diverse, ma quella che, come sicurament…