Passa ai contenuti principali

Home Fitness: dall'Antica Grecia ai video tutorial

Cari naviganti e cari prosumer,

un po' per mancanza di tempo e un po' per mancanza di denaro, la pratica dell'home fitness viene praticata da molte persone. Certo, frequentare un centro sportivo con istruttori qualificati e attrezzature giuste è cosa ben diversa. Allenarsi a casa con costanza genera però risultati che non dispiacciono nemmeno un po'.
Vi siete mai chiesti come é nata la ginnastica?
Provo a rispondere a questa domanda conducendovi in un rapido viaggio temporale dedicato alla storia dell'esercizio fisico.
Andiamo in ordine: sapete che cosa significa fitness?
Facendo riferimento alle fonti del web, il termine proviene dall'aggettivo inglese Fit che in italiano equivale allo stato di idoneità e preparazione fisica; a partire dal 1990,  fitness ha assunto l'accezione di benessere e forma fisica.
La storia dell'esercizio fisico, o della ginnastica in quanto tale, risale all'Antica Grecia; infatti, è dal VI secolo a.C. che cominciano a diffondersi discipline sportive come l'atletica, il lancio del disco e del giavellotto e il pugilato.
Con lo scorrere del tempo, anche 'educazione ginnica si afferma come una vera e propria disciplina che sfocia in giochi a scopo ricreativo e bellico; d'altra parte, le prime Olimpiadi risalgono al 776 a.C. quando nella città di Olimpia si tiene la tipica gara di corsa definita Stadion insieme a pugilato, lotta e Pentathlon.
Le palàistrai erano invece le antiche palestre che nel corso degli anni si sono evolute con tecnologie e strumenti all'avanguardia senza perdere la filosofia di base: la cura del corpo.
In seguito, con lo sviluppo e la diffusione dell'audiovisivo il fitness é entrato nelle case di tutti grazie alle lezioni di aerobica in TV e in videocassetta. Memorabili sono gli allenamenti di Jane Fonda negli anni '80 e gli allenamenti di Top Model del calibro di Cindy Crawford e Claudia Schiffer.
Grazie al boom dei social networks e del videosharing, l'home fitness é sbarcato sul web con i video tutorial grazie alle principali piattaforme user generated content come youtube.
Voi avete mai seguito un video tutorial prima di allenarvi a casa? Oppure voi stessi condividete i video delle vostre sedute di home fitness?
In attesa di un vostro riscontro, vi lascio alla quarta parte di Sugarfree

Alla prossima lampadina!
La fata uncina.

Post popolari in questo blog

Un libro da regalare a Natale

Cari naviganti e cari prosumer, 
il libro giusto da regalare a Natale è il mio romanzo d'esordio Un punto nel cerchio del tempo. Incredibile che siano già volati tre mesi da quando mi sono decisa ad autopubblicarlo.
Credo di aver compreso in pieno il significato della paura che ostacola il corso delle cose. Se penso a quanto tempo ho lasciato le protagoniste femminili Greta Le Clerc e Vittoria Benincasa chiuse in un freddo hard disk, mi chiedo perché non ho fatto prima la scelta di cui vado fiera.  Si dice che non impariamo solo dagli errori, ma anche dai piccoli progressi che facciamo.  Un punto nel cerchio del tempoè il mio piccolo grande passo verso una lunga serie di libri che ho deciso di pubblicare, di nuovo con self-publishing o con una casa editrice non lo so.  Quello che vi dico è che sarete felici di leggere o di regalare il mio libro perché è un genere di narrativa diverso. Anzi, sapete che nella fase iniziale avevo dei dubbi sul genere di collocazione? Poi, ho riflettuto…

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

L’amore di una mamma per un figlio. La fata coraggiosa Gabriella Schiavone

Cari naviganti e cari prosumer, conoscete il detto i figli so’ pezzi ‘e core? In queste poche paroline si racchiude il senso profondo dell’amore di una madre per un figlio e, aggiungerei, anche dei papà. Nella nostra vita possiamo conoscere tante forme di amore, ma quella che proviamo quando diventiamo genitori ci permette di comprendere l’immenso e infinito bene che provano per noi la nostra mamma e il nostro papà. In punta di piedi, vi racconto la storia della fata coraggiosa Gabriella Schiavone, esempio dell’amore di una mamma per un figlio. Lei non posta dolci, condivide la dolcezza di una mente rosa che ha positivamente sfruttato le potenzialità del mondo virtuale e delle parole per guidare suo figlio, un meraviglioso ragazzo con disturbi dell’apprendimento e attentivi, in ogni momento della vita. L’incontro tra noi due è avvenuto per caso, quando ho trovato la condivisione del suo concorso letterario in un gruppo facebook dedicato agli scrittori. Gabriella è una madre che ogni gi…