Polpettine di speck e zucchine

Passa ai contenuti principali

Polpettine di speck e zucchine

Cari naviganti e cari prosumer,
ieri a pranzo mi sono cimentata in una nuova lampadina culinaria: polpettine di speck e zucchine. Da brava napoletana avevo deciso di cucinare pasta e zucchine. La ricetta originale prevede di inserire anche uova e pancetta nel sugo, ma essendo estate volevo creare qualcosa di leggero. Così, ho sposato la restante parte degli ingredienti verso il secondo, sostenendo lo speck con la pancetta per dare forma a delle deliziose polpettine; d'altra parte, la lampadina mi é venuta anche perché mi sono accorta che una zucchina era avanzata e di speck ne erano rimasti appena 100 grammi. Con le temperature tropicali di questi giorni sarebbe andato a male e sprecare il cibo é un gran peccato! Inoltre, io adoro creare anche in cucina oltre che con le parole e gli oggetti.
Che cosa vi serve per preparare le polpettine di zucchine e speck?
1. Pane grattugiato q.b.;
2. 4 cucchiai di farina 00;
3. Una zucchina;
4. 100 gr. di speck;
5. Un bicchiere d'acqua tiepida;
6. Uno spicchio d'aglio;
7. Peperoncino;
8. (Ci vorrebbe anche un pizzico di sale! Per quello che mi riguarda non lo aggiunto perché lo speck é già abbastanza salato);
9. Olio e.v.o.
Che cosa ho pasticciato?
1. Ho tagliato la zucchina e lo speck a pezzettini e li ho versati nel mixer insieme ad aglio, acqua e peperoncino;
2. Ho frullato il tutto con il mixer;
3. Ho aggiunto i 4 cucchiai di farina e ho mescolato per rendere il composto più pastoso;
4. In un piatto fondo ho versato il pane grattugiato;
5. Con l'aiuto di un cucchiaio ho preso parte del composto per formare delle palline con le mani che ho in seguito immerso nel pane grattugiato.
6. Ho seguito la stessa procedura fino a esaurimento del composto;
7. In una padella ho versato mezzo bicchiere d'acqua e inserito la carta forno (Ho scoperto che in questo modo non si brucia!). Ho inserito le polpettine e le ho bagnate con un filo d'olio.
8. Ho lasciato cuocere per una ventina di minuti a fiamma moderata e il risultato ve lo mostro dalla foto!
Un saluto e alla prossima lampadina!
La fata uncina.

Post popolari in questo blog

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Dieci buoni propositi per il nuovo anno degli aspiranti scrittori

Cari naviganti e cari prosumer, sembrava tanto lontano e, invece, eccoci insieme a celebrare il primo giorno del 2018 pensando ai dieci buoni propositi da realizzare nel nuovo anno. Questo giorno per me oggi è carico di una magia chiamata Parigi, dove mi trovo in queste settimane per passeggiare nei luoghi dove di solito Greta Le Clerc fa shopping. Questo blog è nato per pubblicare racconti a puntate, per parlare di viaggi e condividere pezzi di creatività. Poi, le cose hanno preso una piega così particolare da non saperne dare una definizione precisa; chi di voi mi segue sa che di viaggi si è parlato non molto, ma di racconti ne sono stati pubblicati tanti, uno dei più gettonati è Sugarfree, ambientato proprio qui nella città dell’amore. Mai avrei pensato di scrivere in prima persona sul blog né di incontrare e far nascere le fate coraggiose, alle quali sono sempre più affezionata. 
Quante cose del 2017 avete deciso di portare con voi nel 2018? Io diverse, ma quella che, come sicurament…