Passa ai contenuti principali

Torta di carote e una sedia per allenarsi a casa. Diario di una colazione

Cari naviganti e cari prosumers,
mentre faccio colazione con una sana e gustosa torta di carote della quale alla fine di questo post vi darò la ricetta con preparazione a vostra scelta, riflettevo che una delle frasi più pronunciate durante l'anno è: «Non ho tempo per andare in palestra»; oppure spesso sentiamo dire o diciamo: «vorrei migliorare la mia forma fisica, ma gli  impegni della giornata mi rubano tempo». Vi riconoscete in queste parole? Ascolto quotidianamente questi discorsi e ho pensato di darvi dei consigli per aiutarvi a  dedicare anche solo pochi minuti di tempo al giorno per  mantenervi in forma tra le mura domestiche, di sera, di mattina o nei ritagli di tempo utile.
Amo allenarmi e prendermi cura del mio corpo e cerco sempre di trovare un momento della giornata da destinare a me stessa. Questo vale sia durante l'anno dove una miriade di impegni assorbe anche il mio respiro e sia quando sono in vacanza. 
In passato anche io come voi credevo che  per potersi piacere davanti allo specchio fosse necessario andare in palestra. Tra corsi all'università, esami, il teatro, la pubblicazione dei racconti e faccende varie, il tempo mi è sempre sembrato troppo poco. Con il tempo ho cominciato a documentarmi e a provare su me stessa una serie di esercizi da poter fare in casa.  É chiaro che sarebbe preferibile frequentare un buon centro fitness e farsi seguire da personale qualificato che ogni giorno si dedica a migliorare le persone dentro e fuori, ma sono tante le persone che non posso farlo sia per i motivi sopra elencati, sia perché molte donne devono badare ai figli e alla casa o semplicemente perché mancano le possibilità economiche.
In questo post vi spiego come utilizzare una sedia per lavorare la parte posteriore delle gambe e i glutei. Come sempre, spero che tra voi ci sia un esperto del settore che possa fare da disclaimer a quel che dico!
Occorrente:
Una sedia
Voi!
Come fare?
Prendete la sedia, posizionatevi a circa quindici centimetri di distanza da essa e divaricate le gambe alla stessa larghezza delle spalle. Spingete i glutei indietro e cercate di raggiungere il sedile senza mai appoggiarvi completamente. Effettuate il movimento per almeno 20/30 volte. In seguito, quando sarete più allenate, passate a 3 serie da 20 ripetizioni; se unite anche una bella passeggiata a piedi di circa trenta minuti, i risultati saranno sicuramente migliori.
Veniamo ora alla ricetta della torta di carote che sto consumando questa mattina. Quella originale prevede il latte, ma io preferisco sostituirlo con l'olio d'oliva.
Ingredienti:
Un bicchiere di olio d'oliva extravergine
Una manciata di nocciole
3 uova
5 cucchiai di farina
Una scorza di limone grattugiata
Lievito per dolci 
Io l'ho preparata semplicemente mescolando uno ad uno gli ingredienti. Voi invece che procedimento seguite di solito?
Fatemi sapere e datemi notizie anche sull'allenamento con la sedia. Intanto vi ricordo che martedì 15 settembre sarà on line la terza puntata di “Storia di una ladra di fichi”, disponibile sul blog dedicato ai miei racconti che come sapete è http://iraccontidellafatauncina.blogspot.it  e se vi siete persi le prime due ecco a voi il link:
http://iraccontidellafatauncina.blogspot.it/2015/09/storia-di-una-ladra-di-fichi-prima.html

Un saluto e alla prossima lampadina!
La fata uncina.

Post popolari in questo blog

Come arrivare sull’isola che non c’è: la fata coraggiosa Totta1964

Cari naviganti e cari prosumers,

secondo voi, le fate di oggi possono dirci come arrivare sull’isola che non c’è? Io dico di si.
Quando immaginiamo le fate, immediatamente pensiamo a piccoli esserini dal corpicino perfetto, con ali e labbra da baciare e capelli che fanno “splash” come in un famoso spot di prodotti per capelli; qualcuno associa le fatine a donne minuscole con un cappellino a forma di fungo e che stanno in una mano sola.
In verità, non tutte le fate si somigliano. Ognuna di noi ha un aspetto diverso; per esempio, quelle che conosco io sono delle piccole grandi donne che iniziano le giornate in posizione da corsa, pronte a raggiungere un traguardo e a vincere una nuova sfida.Alcune di queste fatine, sono simili a quelle del Labirinto del fauno con la differenza che, anziché essere nascoste in una borsetta magica, si trovano in mezzo a noi e basta un click sui social network per entrare nel loro mondo incantato, dove, con parole gentili e foto che catturano l’attenzione dei …

Un libro da regalare a Natale

Cari naviganti e cari prosumers, 
il libro giusto da regalare a Natale è il mio romanzo d'esordio Un punto nel cerchio del tempo. Incredibile che siano già volati tre mesi da quando mi sono decisa ad autopubblicarlo.
Credo di aver compreso in pieno il significato della paura che ostacola il corso delle cose. Se penso a quanto tempo ho lasciato le protagoniste femminili Greta Le Clerc e Vittoria Benincasa chiuse in un freddo hard disk, mi chiedo perché non ho fatto prima la scelta di cui vado fiera.  Si dice che non impariamo solo dagli errori, ma anche dai piccoli progressi che facciamo.  Un punto nel cerchio del tempoè il mio piccolo grande passo verso una lunga serie di libri che ho deciso di pubblicare, di nuovo con self-publishing o con una casa editrice non lo so.  Quello che vi dico è che sarete felici di leggere o di regalare il mio libro perché è un genere di narrativa diverso. Anzi, sapete che nella fase iniziale avevo dei dubbi sul genere di collocazione? Poi, ho riflettut…

L’amore di una mamma per un figlio. La fata coraggiosa Gabriella Schiavone

Cari naviganti e cari prosumers, conoscete il detto i figli so’ pezzi ‘e core? In queste poche paroline si racchiude il senso profondo dell’amore di una madre per un figlio e, aggiungerei, anche dei papà. Nella nostra vita possiamo conoscere tante forme di amore, ma quella che proviamo quando diventiamo genitori ci permette di comprendere l’immenso e infinito bene che provano per noi la nostra mamma e il nostro papà. In punta di piedi, vi racconto la storia della fata coraggiosa Gabriella Schiavone, esempio dell’amore di una mamma per un figlio. Lei non posta dolci, condivide la dolcezza di una mente rosa che ha positivamente sfruttato le potenzialità del mondo virtuale e delle parole per guidare suo figlio, un meraviglioso ragazzo con disturbi dell’apprendimento e attentivi, in ogni momento della vita. L’incontro tra noi due è avvenuto per caso, quando ho trovato la condivisione del suo concorso letterario in un gruppo facebook dedicato agli scrittori. Gabriella è una madre che ogni g…