Torta di carote e una sedia per allenarsi a casa. Diario di una colazione

Passa ai contenuti principali

Torta di carote e una sedia per allenarsi a casa. Diario di una colazione

Cari naviganti e cari prosumer,
mentre faccio colazione con una sana e gustosa torta di carote della quale alla fine di questo post vi darò la ricetta con preparazione a vostra scelta, riflettevo che una delle frasi più pronunciate durante l'anno è: «Non ho tempo per andare in palestra»; oppure spesso sentiamo dire o diciamo: «vorrei migliorare la mia forma fisica, ma gli  impegni della giornata mi rubano tempo». Vi riconoscete in queste parole? Ascolto quotidianamente questi discorsi e ho pensato di darvi dei consigli per aiutarvi a  dedicare anche solo pochi minuti di tempo al giorno per  mantenervi in forma tra le mura domestiche, di sera, di mattina o nei ritagli di tempo utile.
Amo allenarmi e prendermi cura del mio corpo e cerco sempre di trovare un momento della giornata da destinare a me stessa. Questo vale sia durante l'anno dove una miriade di impegni assorbe anche il mio respiro e sia quando sono in vacanza. 
In passato anche io come voi credevo che  per potersi piacere davanti allo specchio fosse necessario andare in palestra. Tra corsi all'università, esami, il teatro, la pubblicazione dei racconti e faccende varie, il tempo mi è sempre sembrato troppo poco. Con il tempo ho cominciato a documentarmi e a provare su me stessa una serie di esercizi da poter fare in casa.  É chiaro che sarebbe preferibile frequentare un buon centro fitness e farsi seguire da personale qualificato che ogni giorno si dedica a migliorare le persone dentro e fuori, ma sono tante le persone che non posso farlo sia per i motivi sopra elencati, sia perché molte donne devono badare ai figli e alla casa o semplicemente perché mancano le possibilità economiche.
In questo post vi spiego come utilizzare una sedia per lavorare la parte posteriore delle gambe e i glutei. Come sempre, spero che tra voi ci sia un esperto del settore che possa fare da disclaimer a quel che dico!
Occorrente:
Una sedia
Voi!
Come fare?
Prendete la sedia, posizionatevi a circa quindici centimetri di distanza da essa e divaricate le gambe alla stessa larghezza delle spalle. Spingete i glutei indietro e cercate di raggiungere il sedile senza mai appoggiarvi completamente. Effettuate il movimento per almeno 20/30 volte. In seguito, quando sarete più allenate, passate a 3 serie da 20 ripetizioni; se unite anche una bella passeggiata a piedi di circa trenta minuti, i risultati saranno sicuramente migliori.
Veniamo ora alla ricetta della torta di carote che sto consumando questa mattina. Quella originale prevede il latte, ma io preferisco sostituirlo con l'olio d'oliva.
Ingredienti:
Un bicchiere di olio d'oliva extravergine
Una manciata di nocciole
3 uova
5 cucchiai di farina
Una scorza di limone grattugiata
Lievito per dolci 
Io l'ho preparata semplicemente mescolando uno ad uno gli ingredienti. Voi invece che procedimento seguite di solito?
Fatemi sapere e datemi notizie anche sull'allenamento con la sedia. Intanto vi ricordo che martedì 15 settembre sarà on line la terza puntata di “Storia di una ladra di fichi”, disponibile sul blog dedicato ai miei racconti che come sapete è http://iraccontidellafatauncina.blogspot.it  e se vi siete persi le prime due ecco a voi il link:
http://iraccontidellafatauncina.blogspot.it/2015/09/storia-di-una-ladra-di-fichi-prima.html

Un saluto e alla prossima lampadina!
La fata uncina.

Post popolari in questo blog

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Dieci buoni propositi per il nuovo anno degli aspiranti scrittori

Cari naviganti e cari prosumer, sembrava tanto lontano e, invece, eccoci insieme a celebrare il primo giorno del 2018 pensando ai dieci buoni propositi da realizzare nel nuovo anno. Questo giorno per me oggi è carico di una magia chiamata Parigi, dove mi trovo in queste settimane per passeggiare nei luoghi dove di solito Greta Le Clerc fa shopping. Questo blog è nato per pubblicare racconti a puntate, per parlare di viaggi e condividere pezzi di creatività. Poi, le cose hanno preso una piega così particolare da non saperne dare una definizione precisa; chi di voi mi segue sa che di viaggi si è parlato non molto, ma di racconti ne sono stati pubblicati tanti, uno dei più gettonati è Sugarfree, ambientato proprio qui nella città dell’amore. Mai avrei pensato di scrivere in prima persona sul blog né di incontrare e far nascere le fate coraggiose, alle quali sono sempre più affezionata. 
Quante cose del 2017 avete deciso di portare con voi nel 2018? Io diverse, ma quella che, come sicurament…