Passa ai contenuti principali

Tra origini della tazzina di caffè e salto della corda. Diario di una colazione

 Cari naviganti e cari prosumer,
questa mattina ho fatto colazione con 4 biscotti ai cereali, una tazza di latte e caffè e una banana. Mi attendono giornate molto impegnative con la sveglia alle 6,00 e il ritorno a casa alle 20
,00 e non per questo ho intenzione di rinunciare alla mia adorata colazione; per questo motivo la sera prima apparecchio già la tavola con tazza, cucchiaio, un coltello per tagliare la frutta e un pacco di biscotti dei quali sono molto ghiotta. Quando mi sveglio devo solo preparare la macchinetta del caffè e prendere frutta e latte dal frigorifero.
Deduco che anche voi siate ritornati alla routine quotidiana ricca di rigidi schemi e di killer del tempo libero e dello svago; proprio per questo voglio regalarvi un viaggio nel tempo verso le antiche origini della tazzina di caffè e condividere con voi il modo in cui ho imparato a saltare la corda. Non sono una personal trainer, ma solo la ragazza della porta accanto che pur avendo poco tempo e pochi mezzi a disposizione non rinuncia a prendersi cura di sé.
Andiamo in ordine e partiamo dalla tazzina di caffè. Dovete sapere che non si tratta affatto di un diminutivo o di un vezzeggiativo, quanto invece del nome del pittore Lombardo Luigi Tazzini che dopo aver visitato l'Esposizione Universale di Parigi ai primi del '900 e cioè il primo EXPO che la storia ci tramanda, fu molto colpito dallo stile Liberty e dall'Art Nouveau tanto che al suo ritorno progettò cinque modelli di piccole tazze per il caffè su commissione di una famosa società di ceramiche italiana dove fu nominato direttore artistico.
Quanto invece alla corda, ancora una volta vi ripeto e mai mi stancherò di farlo che io non sono un'esperta di fitness. Ho solo piacere nel dimostrarvi che qualunque persona può riuscire a mantenersi in forma dedicando all'esercizio fisico anche solo pochi minuti al giorno. Detto questo ecco in che modo ho imparato:
  1. Ho preso le misure della corda con la mia statura mettendomi in posizione verticale. Ho poi afferrato i manubri e provato a far girare la corda su di me, quando non ha toccato la mia testa ho capito che la misura era giusta.
  2. Ho fatto vari saltelli senza corda, per prendere il ritmo.
  3. Ho contratto l'addome, unito i talloni e ho cominciato a saltellare con la corda. Non vi nascondo che le prime volte finiva sopra i piedi anziché passarci sotto. Pian piano, e così è attualmente, ho visto progressi sia nel salto che davanti allo specchio.
  4. Le prime volte è stato difficile e faticoso saltare per 10/15 minuti di fila e per questo ho spezzettato l'allenamento fermandomi tutte le volte che sentivo di non avere più forze.
  5. Di solito mi alleno con la corda 3 volte a settimana. Se la associo anche agli esercizi mirati, salto per circa 10/15 minuti, se invece voglio organizzare un allenamento completamente cardio, mi impegno ad arrivare a 30/40 minuti prevedendo le pause del punto 4.
Sarei tanto felice di ricevere il parere di un esperto. Se qualcuno tra voi lo è, lo invito a dirmi la sua.
Intanto, vi invito a leggere Storia di una ladra di fichi. Il mio nuovo racconto a puntate ambientato in Puglia.

Un saluto e alla prossima lampadina!

La fata uncina.




Post popolari in questo blog

Un libro da regalare a Natale

Cari naviganti e cari prosumer, 
il libro giusto da regalare a Natale è il mio romanzo d'esordio Un punto nel cerchio del tempo. Incredibile che siano già volati tre mesi da quando mi sono decisa ad autopubblicarlo.
Credo di aver compreso in pieno il significato della paura che ostacola il corso delle cose. Se penso a quanto tempo ho lasciato le protagoniste femminili Greta Le Clerc e Vittoria Benincasa chiuse in un freddo hard disk, mi chiedo perché non ho fatto prima la scelta di cui vado fiera.  Si dice che non impariamo solo dagli errori, ma anche dai piccoli progressi che facciamo.  Un punto nel cerchio del tempoè il mio piccolo grande passo verso una lunga serie di libri che ho deciso di pubblicare, di nuovo con self-publishing o con una casa editrice non lo so.  Quello che vi dico è che sarete felici di leggere o di regalare il mio libro perché è un genere di narrativa diverso. Anzi, sapete che nella fase iniziale avevo dei dubbi sul genere di collocazione? Poi, ho riflettuto…

L’amore di una mamma per un figlio. La fata coraggiosa Gabriella Schiavone

Cari naviganti e cari prosumer, conoscete il detto i figli so’ pezzi ‘e core? In queste poche paroline si racchiude il senso profondo dell’amore di una madre per un figlio e, aggiungerei, anche dei papà. Nella nostra vita possiamo conoscere tante forme di amore, ma quella che proviamo quando diventiamo genitori ci permette di comprendere l’immenso e infinito bene che provano per noi la nostra mamma e il nostro papà. In punta di piedi, vi racconto la storia della fata coraggiosa Gabriella Schiavone, esempio dell’amore di una mamma per un figlio. Lei non posta dolci, condivide la dolcezza di una mente rosa che ha positivamente sfruttato le potenzialità del mondo virtuale e delle parole per guidare suo figlio, un meraviglioso ragazzo con disturbi dell’apprendimento e attentivi, in ogni momento della vita. L’incontro tra noi due è avvenuto per caso, quando ho trovato la condivisione del suo concorso letterario in un gruppo facebook dedicato agli scrittori. Gabriella è una madre che ogni gi…

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…