Passa ai contenuti principali

Il baccalà della Befana maritata

Ho passato l'esistenza a ricamare un corredo che ora vedo impolverato sulla testa di uno sconosciuto. Non ho mai avuto ciorta. Se qualcuno di voi non proviene dalla terra di Partenope, può immaginare una giornata di sole durante la quale tutte le femmine più belle cantano mentre stendono il bucato e che, poco dopo, arrivi un temporale. Questa non è ciorta.
La ciorta è quando incontri un viandante che ti dona il suo oro perché la borsa è pesante e il cavallo ha difficoltà a continuare il suo viaggio. Io non ce l'ho mai avuta e l'ho capito quando, in una notte di Luna, qualcuno bussò alla finestra.
Dopo aver ringraziato il cielo per la mia bella Capodimonte, guardai un po' più giù, ma non vidi nessuno. Lo specchio di fronte al mio letto rifletteva i mutandoni bianchi e le calze che avevo ricevuto come buon augurio affinché uno sposo giungesse da me.
Tre rintocchi colpirono un'altra finestra. Attraversai il corridoio dal quale potevo intravedere il ventre della mia Napoli e mi affacciai. Non vidi nessuno. Il cigolio della porta mi fece salire il cuore in gola. Avevo compagnia: un topolino stava sgranocchiando le briciole di torrone che insieme alle mie sorelle avevo fabbricato in onore delle anime dei defunti.
Sul battiscopa c'era un biglietto rosso. Curiosa come ero mi avventai per leggerlo: «esegui quel che è scritto e resta in silenzio. Nelle settimane precedenti ai giorni della merla uno sposo proveniente da terre lontane giungerà da te».

In novanta giorni preparai il corredo più bello del mio quartiere. Nella notte tra il quinto e il sesto giorno di Gennaio, in cucina c'era una padella dove friggeva il baccalà. La tavola era imbandita con un calice di vino, una brocca d'acqua e un piatto vuoto. Seduto, c'era un uomo bruttino ma con un bel sorriso. Mi chiese un tovagliolo per pulirsi la bocca. Per essere ospitale, presi un canovaccio dal mio corredo. L'uomo afferrò la mia mano e si trasformò in uno scheletro. Cercavo marito e invece ora mi tocca friggere il baccalà per l'eternità.

Post popolari in questo blog

Un libro da regalare a Natale

Cari naviganti e cari prosumer, 
il libro giusto da regalare a Natale è il mio romanzo d'esordio Un punto nel cerchio del tempo. Incredibile che siano già volati tre mesi da quando mi sono decisa ad autopubblicarlo.
Credo di aver compreso in pieno il significato della paura che ostacola il corso delle cose. Se penso a quanto tempo ho lasciato le protagoniste femminili Greta Le Clerc e Vittoria Benincasa chiuse in un freddo hard disk, mi chiedo perché non ho fatto prima la scelta di cui vado fiera.  Si dice che non impariamo solo dagli errori, ma anche dai piccoli progressi che facciamo.  Un punto nel cerchio del tempoè il mio piccolo grande passo verso una lunga serie di libri che ho deciso di pubblicare, di nuovo con self-publishing o con una casa editrice non lo so.  Quello che vi dico è che sarete felici di leggere o di regalare il mio libro perché è un genere di narrativa diverso. Anzi, sapete che nella fase iniziale avevo dei dubbi sul genere di collocazione? Poi, ho riflettuto…

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

L’amore di una mamma per un figlio. La fata coraggiosa Gabriella Schiavone

Cari naviganti e cari prosumer, conoscete il detto i figli so’ pezzi ‘e core? In queste poche paroline si racchiude il senso profondo dell’amore di una madre per un figlio e, aggiungerei, anche dei papà. Nella nostra vita possiamo conoscere tante forme di amore, ma quella che proviamo quando diventiamo genitori ci permette di comprendere l’immenso e infinito bene che provano per noi la nostra mamma e il nostro papà. In punta di piedi, vi racconto la storia della fata coraggiosa Gabriella Schiavone, esempio dell’amore di una mamma per un figlio. Lei non posta dolci, condivide la dolcezza di una mente rosa che ha positivamente sfruttato le potenzialità del mondo virtuale e delle parole per guidare suo figlio, un meraviglioso ragazzo con disturbi dell’apprendimento e attentivi, in ogni momento della vita. L’incontro tra noi due è avvenuto per caso, quando ho trovato la condivisione del suo concorso letterario in un gruppo facebook dedicato agli scrittori. Gabriella è una madre che ogni gi…