Il baccalà della Befana maritata

Passa ai contenuti principali

Il baccalà della Befana maritata

Fonte della foto qui.


Ho passato l'esistenza a ricamare un corredo che ora vedo impolverato sulla testa di uno sconosciuto. Non ho mai avuto ciorta. Se qualcuno di voi non proviene dalla terra di 
Partenope, può immaginare una giornata di sole durante la quale tutte le femmine più belle cantano mentre stendono il bucato e che, poco dopo, arrivi un temporale. Questa non è ciorta.
La ciorta è quando incontri un viandante che ti dona il suo oro perché la borsa è pesante e il cavallo ha difficoltà a continuare il suo viaggio. Io non ce l'ho mai avuta e l'ho capito quando, in una notte di Luna, qualcuno bussò alla finestra.
Dopo aver ringraziato il cielo per la mia bella Capodimonte, guardai un po' più giù, ma non vidi nessuno. Lo specchio di fronte al mio letto rifletteva i mutandoni bianchi e le calze che avevo ricevuto come buon augurio affinché uno sposo si presentasse da me.
Tre rintocchi colpirono un'altra finestra. Attraversai il corridoio dal quale potevo intravedere il ventre della mia Napoli e mi affacciai. Non vidi nessuno. Il cigolio della porta mi fece salire il cuore in gola. Avevo compagnia: un topolino stava sgranocchiando le briciole di torrone che insieme alle mie sorelle avevo fabbricato in onore delle anime dei defunti.
Sul battiscopa c'era un biglietto rosso. Curiosa come ero mi avventai per leggerlo: «esegui quel che è scritto e resta in silenzio. Nelle settimane precedenti ai giorni della merla uno sposo proveniente da terre lontane giungerà da te».

In novanta giorni preparai il corredo più bello del mio quartiere. Nella notte tra il quinto e il sesto giorno di Gennaio, in cucina c'era una padella dove friggeva il baccalà. 
La tavola era imbandita con un calice di vino, una brocca d'acqua e un piatto vuoto. Seduto, c'era un uomo bruttino ma con un bel sorriso. Mi chiese un tovagliolo per pulirsi la bocca. Per essere ospitale, presi un canovaccio dal mio corredo. L'uomo afferrò la mia mano e si trasformò in uno scheletro. Cercavo marito e invece ora mi tocca friggere il baccalà per l'eternità.

Post popolari in questo blog

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Una città magica accoglie il prodigio di San Gennaro

Cari naviganti e cari prosumer, vi piacerebbe assistere a un grande prodigio? C’è un posto nel mondo dove, per ben tre volte nel giro di un anno, avviene qualcosa di magico. È un luogo ricco di castelli, di storia, mito e tradizione e c’è chi giura di aver persino visto alcuni fantasmi aggirarsi per le strade principali nel cuore della notte. State pensando a Hogwartslo so, ma il luogo in questione è Napoli e sta a voi scegliere di raggiungerla tramite il binario 9 e ¾, con il Nottetempo o con altri mezzi. L’importante è trovarsi in una delle città più magiche del mondo il 19 Settembre: festa di San Gennaro, santo patrono di Napoli.
Gran parte dei napoletani attende trepidante il 19 settembre perché è in questo giorno che San Gennaro compie un grande miracolo: scioglie il suo sangue, segno di buon auspicio per la città. Folle di fedeli e curiosi accorrono ogni anno al Duomo di Napoli per assistere al prodigio, scatenando discussioni di stampo antropologico, sociologico, religioso e scie…