Storia di una ladra di vendette. Prima puntata

Passa ai contenuti principali

Storia di una ladra di vendette. Prima puntata

Caro lettore, questo racconto è un esperimento di scrittura narrativa ed è adatto a te se hai voglia di leggere qualcosa di leggero e di frivolo.
P.S. Aggiungo: stai leggendo questo racconto perché sei finito su questo blog per farti un'idea sul mio modo di scrivere? Ottima iniziativa. Fammi sapere che cosa ne pensi! 
Buona lettura :)  






Messaggio di posta elettronica. Oggetto: MISSIONE SPECIALE.
Testo:
«Sfilata di moda presso il Maschio Angioino. Fai fuori la bionda che indosserà l'abito della collezione numero venticinque. Qui di seguito le motivazioni».



Questo è uno dei messaggi che danno il via alle mie settimane di lavoro. Quello sopra indicato l'ho ricevuto una settimana fa. Onde evitare di creare confusione nella mente gentile di chi mi legge, mi sembra però doveroso fare chiarezza su quello che mi è accaduto dopo il ritorno dalla vacanza solitaria a Ostuni.
Partiamo dalla vita sentimentale: Genny ha continuato a cercarmi con molto interesse, ma ho preferito sparire per una questione di orgoglio personale. Cavolo! Non sono mai stata desiderata da nessuno. Sarò forse fatalista, ma sono del parere che, se due cuori sono destinati ad unirsi, accadrà. Beh si, insomma, avete presente la storia di quegli amori che fanno giri immensi e poi ritornano? Ecco. Mi riferisco proprio a questo. Quanto al resto, collaboro con la Tonepane, una società segreta che mi paga profumatamente per fare bene il mio lavoro; aggiungo che stavo per arricchire un chirurgo plastico, ma poi ho preferito destinare i miei guadagni ad una concessionaria di automobili.
Dopo aver ricevuto il messaggio di cui sopra, come di consueto, mi sono dedicata a una seduta veloce di piegamenti e una corsa intorno alla mia villetta, ho fatto una doccia, ho indossato i miei skinny pants e sono andata presso la Tonepane.
Mentre guidavo la mia graziosa automobile rossa, il mio smartphone ha vibrato: «la debolezza interiore risorge come una fenice tutte le volte che il passato riemerge dalle macerie dei ricordi. Ricordi quando eri un cotechino parlante? Resterai sempre quello». Chi ha osato affrontarmi in quel modo? Sto ancora cercando di capirlo.
Proprio nei pressi della Tonepane, c'è un delizioso ristornante per amanti della cucina vegetariana e vegana ed è li che mi sono diretta dopo aver provato più di centinaia di abiti adatti a nascondere microfoni e telecamere.





Il risotto alle noci  è diventato il mio piatto preferito. Sono sempre una buongustaia, ma ho finalmente trovato il mio equilibrio psicofisico e, lasciatemelo dire, finalmente mi piaccio. Le gambe bianche e flaccide simili al budino al cioccolato bianco sono ormai un ricordo. Resto comunque Miracolosamente Pia, ma molte cose sono cambiate.
Proprio nel momento in cui stavo assaporando le polpette di soia accompagnate da broccoletti neri, lo smartphone ha di nuovo vibrato: «ordina un caffè e siediti sull'altalena». Il caffè non l'ho ordinato, ma sull'altalena mi ci sono seduta perché, quando ho il piacere di pranzare nel mio ristorante preferito, lo faccio spesso. Ho fissato le pareti verdi e rilassanti senza comprendere chi fosse il mittente di quei fastidiosi messaggi.
Una pallina di carta ha colpito il mio viso. Ero certa si trattasse di un bigliettino, ma invece c'era solo disegnata una freccetta che, a rigor di logica, dovevo posizionare davanti a me. Così feci, ma niente. Di fronte a me solo volti sconosciuti.
Un tizio con un berretto grigio e giallo aveva preso posto al mio tavolo. Con i modi forti che avevo imparato ad usare, mi avvicinai per specificare che io stavo ancora mangiando, ma quando mi avvicinai vidi la mano di una donna che conoscevo molto bene.
Come aveva fatto a trovarmi? Migliaia di pensieri cominciavano a costellare la mia mente. Non riuscivo neppure a proferir parola. Si era solo stagliata in me la sete di vendetta che mi avrebbe portata ad infrangere la regola numero uno della Tonepane: mai confondere le vendette su commissione con quelle personali.

Continua...

Post popolari in questo blog

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Dieci buoni propositi per il nuovo anno degli aspiranti scrittori

Cari naviganti e cari prosumer, sembrava tanto lontano e, invece, eccoci insieme a celebrare il primo giorno del 2018 pensando ai dieci buoni propositi da realizzare nel nuovo anno. Questo giorno per me oggi è carico di una magia chiamata Parigi, dove mi trovo in queste settimane per passeggiare nei luoghi dove di solito Greta Le Clerc fa shopping. Questo blog è nato per pubblicare racconti a puntate, per parlare di viaggi e condividere pezzi di creatività. Poi, le cose hanno preso una piega così particolare da non saperne dare una definizione precisa; chi di voi mi segue sa che di viaggi si è parlato non molto, ma di racconti ne sono stati pubblicati tanti, uno dei più gettonati è Sugarfree, ambientato proprio qui nella città dell’amore. Mai avrei pensato di scrivere in prima persona sul blog né di incontrare e far nascere le fate coraggiose, alle quali sono sempre più affezionata. 
Quante cose del 2017 avete deciso di portare con voi nel 2018? Io diverse, ma quella che, come sicurament…