Storia di una ladra di vendette. Prima puntata

Passa ai contenuti principali

Storia di una ladra di vendette. Prima puntata

Caro lettore, questo racconto è un esperimento di scrittura narrativa ed è adatto a te se hai voglia di leggere qualcosa di leggero e di frivolo.
P.S. Aggiungo: stai leggendo questo racconto perché sei finito su questo blog per farti un'idea sul mio modo di scrivere? Ottima iniziativa. Fammi sapere che cosa ne pensi! 
Buona lettura :)  






Messaggio di posta elettronica. Oggetto: MISSIONE SPECIALE.
Testo:
«Sfilata di moda presso il Maschio Angioino. Fai fuori la bionda che indosserà l'abito della collezione numero venticinque. Qui di seguito le motivazioni».



Questo è uno dei messaggi che danno il via alle mie settimane di lavoro. Quello sopra indicato l'ho ricevuto una settimana fa. Onde evitare di creare confusione nella mente gentile di chi mi legge, mi sembra però doveroso fare chiarezza su quello che mi è accaduto dopo il ritorno dalla vacanza solitaria a Ostuni.
Partiamo dalla vita sentimentale: Genny ha continuato a cercarmi con molto interesse, ma ho preferito sparire per una questione di orgoglio personale. Cavolo! Non sono mai stata desiderata da nessuno. Sarò forse fatalista, ma sono del parere che, se due cuori sono destinati ad unirsi, accadrà. Beh si, insomma, avete presente la storia di quegli amori che fanno giri immensi e poi ritornano? Ecco. Mi riferisco proprio a questo. Quanto al resto, collaboro con la Tonepane, una società segreta che mi paga profumatamente per fare bene il mio lavoro; aggiungo che stavo per arricchire un chirurgo plastico, ma poi ho preferito destinare i miei guadagni ad una concessionaria di automobili.
Dopo aver ricevuto il messaggio di cui sopra, come di consueto, mi sono dedicata a una seduta veloce di piegamenti e una corsa intorno alla mia villetta, ho fatto una doccia, ho indossato i miei skinny pants e sono andata presso la Tonepane.
Mentre guidavo la mia graziosa automobile rossa, il mio smartphone ha vibrato: «la debolezza interiore risorge come una fenice tutte le volte che il passato riemerge dalle macerie dei ricordi. Ricordi quando eri un cotechino parlante? Resterai sempre quello». Chi ha osato affrontarmi in quel modo? Sto ancora cercando di capirlo.
Proprio nei pressi della Tonepane, c'è un delizioso ristornante per amanti della cucina vegetariana e vegana ed è li che mi sono diretta dopo aver provato più di centinaia di abiti adatti a nascondere microfoni e telecamere.





Il risotto alle noci  è diventato il mio piatto preferito. Sono sempre una buongustaia, ma ho finalmente trovato il mio equilibrio psicofisico e, lasciatemelo dire, finalmente mi piaccio. Le gambe bianche e flaccide simili al budino al cioccolato bianco sono ormai un ricordo. Resto comunque Miracolosamente Pia, ma molte cose sono cambiate.
Proprio nel momento in cui stavo assaporando le polpette di soia accompagnate da broccoletti neri, lo smartphone ha di nuovo vibrato: «ordina un caffè e siediti sull'altalena». Il caffè non l'ho ordinato, ma sull'altalena mi ci sono seduta perché, quando ho il piacere di pranzare nel mio ristorante preferito, lo faccio spesso. Ho fissato le pareti verdi e rilassanti senza comprendere chi fosse il mittente di quei fastidiosi messaggi.
Una pallina di carta ha colpito il mio viso. Ero certa si trattasse di un bigliettino, ma invece c'era solo disegnata una freccetta che, a rigor di logica, dovevo posizionare davanti a me. Così feci, ma niente. Di fronte a me solo volti sconosciuti.
Un tizio con un berretto grigio e giallo aveva preso posto al mio tavolo. Con i modi forti che avevo imparato ad usare, mi avvicinai per specificare che io stavo ancora mangiando, ma quando mi avvicinai vidi la mano di una donna che conoscevo molto bene.
Come aveva fatto a trovarmi? Migliaia di pensieri cominciavano a costellare la mia mente. Non riuscivo neppure a proferir parola. Si era solo stagliata in me la sete di vendetta che mi avrebbe portata ad infrangere la regola numero uno della Tonepane: mai confondere le vendette su commissione con quelle personali.

Continua...

Commenti

Post popolari in questo blog

5 curiosità sul libro e sul film "La Storia Infinita"

Cari naviganti e cari prosumer,
credetemi, La Storia Infinita, titolo originale Die unendliche Geschichte e meglio nota con il titoloThe Neverending Story,è davvero il libro dei libri per chi ama questo genere di letture. Voi, io e tanti altri nemmeno ancora eravamo nati né quando è stato pubblicato il libro (1979) né quando è uscito il film, che fece arricciare il naso allo scrittore Michael Ende, ma è una storia che chiunque dovrebbe conoscere e leggere almeno una volta nella vita, a qualsiasi età. Il contenuto che state per leggere è nato pensando alla nostalgia della dolce infanzia passata a sognare, come voi, di trovarmi al posto di Bastiano Baldassare Bucci per salvare Fantasia e l'Infanta Imperatrice. Così, facendo qualche ricerca, ho trovato un simpatico post pubblicato sul blog 80’s Kids e ho pensato di condividere con voi 5 curiosità sulla Storia Infinita;se poi iniziate a canticchiare “The neverending stoooooooooooooooooooryyy” non dite che non vi avevo avvertito. Che cos…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Recensione libro “La croce della vita”, il fantasy di Valentina Marcone

Cari naviganti e cari prosumer, avevo in programma da un bel po’ di parlarvi di un libro davvero ipnotico: il romanzo “La croce della vita”, volume della saga fantasy di Valentina Marcone, edito da Nativi digitali edizioni.

L'urban fantasy di Valentina Marcone strega il lettore dalla prima all’ultima parola. Sarà che parla di vampiri, ma è un libro che "succhia" letteralmente l’attenzione come il caro buon vecchio Dracula farebbe con un collo invitante e carico di sangue succulento. 
Sapete perché? Perché scrivere un libro fantasy non è affatto semplice.
Chi preferisce generi letterari diversi tende a credere che un testo basato su mondi immaginari e creature incredibili come fate, mostri, o, nel caso specifico di questo articolo, vampiri, sia come accendere il motore di una macchina e partire in quarta senza una meta, buttando qui e lì espressioni, azioni, emozioni e conseguenze suggerite dall'istinto. 
Creare un mondo da zero è tutt’altro che semplice ed è lontano dal…