Passa ai contenuti principali

Storia di una ladra di vendette. Prima puntata

Caro lettore, questo racconto è un esperimento di scrittura narrativa ed è adatto a te se hai voglia di leggere qualcosa di leggero e di frivolo.
P.S. Aggiungo: stai leggendo questo racconto perché sei finito su questo blog per farti un'idea sul mio modo di scrivere? Ottima iniziativa. Fammi sapere che cosa ne pensi! 
Buona lettura :)  






Messaggio di posta elettronica. Oggetto: MISSIONE SPECIALE.
Testo:
«Sfilata di moda presso il Maschio Angioino. Fai fuori la bionda che indosserà l'abito della collezione numero venticinque. Qui di seguito le motivazioni».



Questo è uno dei messaggi che danno il via alle mie settimane di lavoro. Quello sopra indicato l'ho ricevuto una settimana fa. Onde evitare di creare confusione nella mente gentile di chi mi legge, mi sembra però doveroso fare chiarezza su quello che mi è accaduto dopo il ritorno dalla vacanza solitaria a Ostuni.
Partiamo dalla vita sentimentale: Genny ha continuato a cercarmi con molto interesse, ma ho preferito sparire per una questione di orgoglio personale. Cavolo! Non sono mai stata desiderata da nessuno. Sarò forse fatalista, ma sono del parere che, se due cuori sono destinati ad unirsi, accadrà. Beh si, insomma, avete presente la storia di quegli amori che fanno giri immensi e poi ritornano? Ecco. Mi riferisco proprio a questo. Quanto al resto, collaboro con la Tonepane, una società segreta che mi paga profumatamente per fare bene il mio lavoro; aggiungo che stavo per arricchire un chirurgo plastico, ma poi ho preferito destinare i miei guadagni ad una concessionaria di automobili.
Dopo aver ricevuto il messaggio di cui sopra, come di consueto, mi sono dedicata a una seduta veloce di piegamenti e una corsa intorno alla mia villetta, ho fatto una doccia, ho indossato i miei skinny pants e sono andata presso la Tonepane.
Mentre guidavo la mia graziosa automobile rossa, il mio smartphone ha vibrato: «la debolezza interiore risorge come una fenice tutte le volte che il passato riemerge dalle macerie dei ricordi. Ricordi quando eri un cotechino parlante? Resterai sempre quello». Chi ha osato affrontarmi in quel modo? Sto ancora cercando di capirlo.
Proprio nei pressi della Tonepane, c'è un delizioso ristornante per amanti della cucina vegetariana e vegana ed è li che mi sono diretta dopo aver provato più di centinaia di abiti adatti a nascondere microfoni e telecamere.





Il risotto alle noci  è diventato il mio piatto preferito. Sono sempre una buongustaia, ma ho finalmente trovato il mio equilibrio psicofisico e, lasciatemelo dire, finalmente mi piaccio. Le gambe bianche e flaccide simili al budino al cioccolato bianco sono ormai un ricordo. Resto comunque Miracolosamente Pia, ma molte cose sono cambiate.
Proprio nel momento in cui stavo assaporando le polpette di soia accompagnate da broccoletti neri, lo smartphone ha di nuovo vibrato: «ordina un caffè e siediti sull'altalena». Il caffè non l'ho ordinato, ma sull'altalena mi ci sono seduta perché, quando ho il piacere di pranzare nel mio ristorante preferito, lo faccio spesso. Ho fissato le pareti verdi e rilassanti senza comprendere chi fosse il mittente di quei fastidiosi messaggi.
Una pallina di carta ha colpito il mio viso. Ero certa si trattasse di un bigliettino, ma invece c'era solo disegnata una freccetta che, a rigor di logica, dovevo posizionare davanti a me. Così feci, ma niente. Di fronte a me solo volti sconosciuti.
Un tizio con un berretto grigio e giallo aveva preso posto al mio tavolo. Con i modi forti che avevo imparato ad usare, mi avvicinai per specificare che io stavo ancora mangiando, ma quando mi avvicinai vidi la mano di una donna che conoscevo molto bene.
Come aveva fatto a trovarmi? Migliaia di pensieri cominciavano a costellare la mia mente. Non riuscivo neppure a proferir parola. Si era solo stagliata in me la sete di vendetta che mi avrebbe portata ad infrangere la regola numero uno della Tonepane: mai confondere le vendette su commissione con quelle personali.

Continua...

Post popolari in questo blog

Come arrivare sull’isola che non c’è: la fata coraggiosa Totta1964

Cari naviganti e cari prosumers,

secondo voi, le fate di oggi possono dirci come arrivare sull’isola che non c’è? Io dico di si.
Quando immaginiamo le fate, immediatamente pensiamo a piccoli esserini dal corpicino perfetto, con ali e labbra da baciare e capelli che fanno “splash” come in un famoso spot di prodotti per capelli; qualcuno associa le fatine a donne minuscole con un cappellino a forma di fungo e che stanno in una mano sola.
In verità, non tutte le fate si somigliano. Ognuna di noi ha un aspetto diverso; per esempio, quelle che conosco io sono delle piccole grandi donne che iniziano le giornate in posizione da corsa, pronte a raggiungere un traguardo e a vincere una nuova sfida.Alcune di queste fatine, sono simili a quelle del Labirinto del fauno con la differenza che, anziché essere nascoste in una borsetta magica, si trovano in mezzo a noi e basta un click sui social network per entrare nel loro mondo incantato, dove, con parole gentili e foto che catturano l’attenzione dei …

Un libro da regalare a Natale

Cari naviganti e cari prosumers, 
il libro giusto da regalare a Natale è il mio romanzo d'esordio Un punto nel cerchio del tempo. Incredibile che siano già volati tre mesi da quando mi sono decisa ad autopubblicarlo.
Credo di aver compreso in pieno il significato della paura che ostacola il corso delle cose. Se penso a quanto tempo ho lasciato le protagoniste femminili Greta Le Clerc e Vittoria Benincasa chiuse in un freddo hard disk, mi chiedo perché non ho fatto prima la scelta di cui vado fiera.  Si dice che non impariamo solo dagli errori, ma anche dai piccoli progressi che facciamo.  Un punto nel cerchio del tempoè il mio piccolo grande passo verso una lunga serie di libri che ho deciso di pubblicare, di nuovo con self-publishing o con una casa editrice non lo so.  Quello che vi dico è che sarete felici di leggere o di regalare il mio libro perché è un genere di narrativa diverso. Anzi, sapete che nella fase iniziale avevo dei dubbi sul genere di collocazione? Poi, ho riflettut…

L’amore di una mamma per un figlio. La fata coraggiosa Gabriella Schiavone

Cari naviganti e cari prosumers, conoscete il detto i figli so’ pezzi ‘e core? In queste poche paroline si racchiude il senso profondo dell’amore di una madre per un figlio e, aggiungerei, anche dei papà. Nella nostra vita possiamo conoscere tante forme di amore, ma quella che proviamo quando diventiamo genitori ci permette di comprendere l’immenso e infinito bene che provano per noi la nostra mamma e il nostro papà. In punta di piedi, vi racconto la storia della fata coraggiosa Gabriella Schiavone, esempio dell’amore di una mamma per un figlio. Lei non posta dolci, condivide la dolcezza di una mente rosa che ha positivamente sfruttato le potenzialità del mondo virtuale e delle parole per guidare suo figlio, un meraviglioso ragazzo con disturbi dell’apprendimento e attentivi, in ogni momento della vita. L’incontro tra noi due è avvenuto per caso, quando ho trovato la condivisione del suo concorso letterario in un gruppo facebook dedicato agli scrittori. Gabriella è una madre che ogni g…