Passa ai contenuti principali

Esperienza di tè: la storia d'amore di Goji e Litchi




Il gelo mattutino annunciava l'arrivo dell'inverno a Lamset, il villaggio ai piedi della valle di Winston. Gli uomini erano in cerca di legna e carbone e le donne erano alle prese con filati e stoffe per affrontare il gelo. Goji era una di queste e sognava di viaggiare sul vagone di un treno e scoprire il mondo oltre la valle di Winston.
La fanciulla escogitò un piano: aspettare l'ora del tè per fuggire via. Il piano sembrava perfetto. Peccato che a Lamset si conoscevano tutti e anche i mulini a vento avevano l'udito. Goji attese la notte per trovare la soluzione al tempio di Winston.
Era la sola a sapere che nel terzo pozzo dopo il forno a legna c'era un tunnel segreto che portava dritto al tempio. Appoggiandosi sul secchiello di legno, lentamente caló la corda fino ad entrare nel tunnel. Zuppa di acqua e fango, Goji giunse al tempio di Winston, notando che qualcun altro conosceva il passaggio segreto. In posizione da preghiera, trovò un uomo zuppo e sporco di fango come lei. Era Litchi, la risposta alla sua preghiera, arrivata al tempio ancor prima di essere formulata. Litchi spiegò a Goji che non vi era bisogno alcuno di fuggire perchè presto il destino l'avrebbe portata in giro a distribuire foglie di tè pregiato, una linfa verde che avrebbe allietato l'ora del tramonto di molte fanciulle assetate di vita come lei. Goji ascoltava incantata le parole di Litchi e, contro ogni peccato, i due giovani caddero in un profondo abbraccio che durò fino all'alba. 
Al sorgere del Sole, Litchi non c'era più. Goji tornò nel tunnel giusto in tempo prima che tutti si svegliassero. Nessuna donna si accorse che aveva trascorso la notte fuori.  Il pendolo oscilló diciassette volte e la donna più anziana del villaggio offrì a Goji una cassa con dentro un estratto di tè verde pregiato, che avrebbe distribuito in giro per il mondo così da trovar marito. La fanciulla non fece più ritorno al villaggio.
Se il lettore se lo sta chiedendo, la fanciulla non fece affatto una brutta fine. Era tra le braccia del suo Litchi. Erano felici e fecero fortuna insegnando agli innamorati una nuova esperienza di tè.

Post popolari in questo blog

Come arrivare sull’isola che non c’è: la fata coraggiosa Totta1964

Cari naviganti e cari prosumers,

secondo voi, le fate di oggi possono dirci come arrivare sull’isola che non c’è? Io dico di si.
Quando immaginiamo le fate, immediatamente pensiamo a piccoli esserini dal corpicino perfetto, con ali e labbra da baciare e capelli che fanno “splash” come in un famoso spot di prodotti per capelli; qualcuno associa le fatine a donne minuscole con un cappellino a forma di fungo e che stanno in una mano sola.
In verità, non tutte le fate si somigliano. Ognuna di noi ha un aspetto diverso; per esempio, quelle che conosco io sono delle piccole grandi donne che iniziano le giornate in posizione da corsa, pronte a raggiungere un traguardo e a vincere una nuova sfida.Alcune di queste fatine, sono simili a quelle del Labirinto del fauno con la differenza che, anziché essere nascoste in una borsetta magica, si trovano in mezzo a noi e basta un click sui social network per entrare nel loro mondo incantato, dove, con parole gentili e foto che catturano l’attenzione dei …

Un libro da regalare a Natale

Cari naviganti e cari prosumers, 
il libro giusto da regalare a Natale è il mio romanzo d'esordio Un punto nel cerchio del tempo. Incredibile che siano già volati tre mesi da quando mi sono decisa ad autopubblicarlo.
Credo di aver compreso in pieno il significato della paura che ostacola il corso delle cose. Se penso a quanto tempo ho lasciato le protagoniste femminili Greta Le Clerc e Vittoria Benincasa chiuse in un freddo hard disk, mi chiedo perché non ho fatto prima la scelta di cui vado fiera.  Si dice che non impariamo solo dagli errori, ma anche dai piccoli progressi che facciamo.  Un punto nel cerchio del tempoè il mio piccolo grande passo verso una lunga serie di libri che ho deciso di pubblicare, di nuovo con self-publishing o con una casa editrice non lo so.  Quello che vi dico è che sarete felici di leggere o di regalare il mio libro perché è un genere di narrativa diverso. Anzi, sapete che nella fase iniziale avevo dei dubbi sul genere di collocazione? Poi, ho riflettut…

L’amore di una mamma per un figlio. La fata coraggiosa Gabriella Schiavone

Cari naviganti e cari prosumers, conoscete il detto i figli so’ pezzi ‘e core? In queste poche paroline si racchiude il senso profondo dell’amore di una madre per un figlio e, aggiungerei, anche dei papà. Nella nostra vita possiamo conoscere tante forme di amore, ma quella che proviamo quando diventiamo genitori ci permette di comprendere l’immenso e infinito bene che provano per noi la nostra mamma e il nostro papà. In punta di piedi, vi racconto la storia della fata coraggiosa Gabriella Schiavone, esempio dell’amore di una mamma per un figlio. Lei non posta dolci, condivide la dolcezza di una mente rosa che ha positivamente sfruttato le potenzialità del mondo virtuale e delle parole per guidare suo figlio, un meraviglioso ragazzo con disturbi dell’apprendimento e attentivi, in ogni momento della vita. L’incontro tra noi due è avvenuto per caso, quando ho trovato la condivisione del suo concorso letterario in un gruppo facebook dedicato agli scrittori. Gabriella è una madre che ogni g…