San Gennaro in Un Punto nel Cerchio del Tempo. Da fata coraggiosa a scrittrice esordiente

Passa ai contenuti principali

San Gennaro in Un Punto nel Cerchio del Tempo. Da fata coraggiosa a scrittrice esordiente


Cari naviganti e cari prosumer,

si dice che solo ciò che non si inizia non si finisce. Questo proverbio è efficace al pari di quelli delle famose vecchiette che non sbagliano un colpo. Come avete già scoperto tramite il profilo Instagram del blog, ho realizzato il sogno di pubblicare il mio primo romanzo, intitolato "Un punto nel cerchio del tempo" e ambientato a Napoli durante il giorno della festa di San Gennaro.Grazie per il dolce supporto e l'affetto che mi state dimostrando con i vostri commenti su Instagram e in privato.

Ero indecisa se pubblicare o meno un post qui sul blog.  Poi, mi sono resa conto che era giusto fare il possibile per rendervi partecipi del mio nuovo viaggio, in questo caso prima mentale e poi letterario e raccontarvi qualcosa. Direi che questa volta sono stata io a vestire i panni di una fata coraggiosa.
In nome delle fate coraggiose, una rubrica che noto con piacere che seguite in tanti, sarei lieta di ricevere da voi una serie di domande/intervista tramite le quali costruire un articolo per  raccontarvi qualche curiosità in più sul mio romanzo.
Voi che siete degli affezionati del blog conoscete più che bene il mio genere di scrittura, se così si può definire, ma è giusto che tutti sappiano che si tratta di una storia di fantasia e non di un romanzo storico-religioso come invece hanno creduto alcune persone.
Credo che Un punto nel cerchio del tempo sia una storia adatta ai lettori di tutte le età che amano le storie di fantasia
Ciò che posso svelarvi è che alcuni aspetti non li ho affrontati nella storia per ragioni ben precise che scoprirete tra qualche tempo. 
Qui di seguito, trovate la trama di Un punto nel cerchio del tempo. Vi auguro buona lettura e per mettervi in contatto con me per domande e curiosità, scrivetemi a irdfatauncina@libero.it e sarò ben felice di rispondere!
Buona lettura
Vostra la fata uncina.








Napoli. È il giorno della festa di San Gennaro e due giovani donne scopriranno di essere più coraggiose di quello che pensano. La prima è una scrittrice che, per ultimare il suo racconto, è disposta a tutto, persino a superare i confini della fantasia; la seconda è una turista francese che, in attesa del miracolo di San Gennaro, prova a salvare Napoli da uno strano sortilegio.Due mondi paralleli che non si incontrano mai, ma che sono speculari l’uno dell’altro tra fantasia e realtà. Un’aspirante scrittrice napoletana, Vittoria Benincasa, che, come tanti altri scrittori, ha un racconto nel cassetto che sogna di finire e di pubblicare. I problemi della vita quotidiana e gli imprevisti le impediscono di coronare questo desiderio. Vittoria Benincasa ha sempre a portata di mano gli strumenti del mestiere, pronta ad annotare ogni pensiero sullo smartphone o sul quaderno quando ha l’ispirazione giusta. È quello che accade una mattina come tante quando un gattino entra in casa e fa a pezzi parte del suo manoscritto, costringendola a dover riscrivere da zero tutta la storia. Poco dopo, passeggiando per le vie del centro storico di Napoli, deciderà di fermarsi per provare a riscrivere il suo racconto per l’ennesima volta. Mentre nasce il personaggio di Greta Le Clerc, uno strano incontro con una strana donna condurrà Vittoria nei pressi di una chiesa abbandonata dove resterà chiusa per molte ore. Non chiederà aiuto. Disattiverà ogni contatto con il mondo esterno, web incluso, per riuscire, costi quel che costi, a terminare la sua storia e guidare Greta Le Clerc alla ricerca di un misterioso uomo incontrato nel Duomo di Napoli il giorno di San Gennaro e che la condurrà in una dimensione surreale e fantastica dove uno strano sortilegio incombe sulla città…

Commenti

Post popolari in questo blog

La bella e la blogger: Tre muffin e un architetto

Negli ultimi tempi non si fa che parlare di una nuova versione moderna delle eroine delle fiabe classiche. Restano belle e delicate, ma sono forti e molto spesso non hanno bisogno di essere salvate perché si salvano da sole. Al cinema abbiamo ricominciato a sognare con una nuova versione della Bella e la Bestia e ogni giorno i social network ci raccontano le storie non di principesse, ma di fate coraggiose che fanno incantesimi a suon di dolci e pietanze prelibate che fanno venire voglia di prendere a morsi lo smartphone. Queste fate, a volte blogger per professione e altre per passione, post dopo post ci fanno scoprire nuove sfumature della bellezza e la creatrice di Tre muffin e un architetto lo fa con i suoi piatti speciali, in tutte le salse è il caso di dire. Guardando i suoi post ho immaginato una Grimilde golosa che ogni giorno interroga lo specchio sul piatto più bello dell' instagram reame e riceve come risposta che non è bello ciò che bello, ma è bello ciò che piace ma…

Il principe pasta frolla e la leggenda del bacio avvelenato

Caro lettore, questo è uno dei primi racconti che ho scritto per mettermi alla prova e va da sé che non è la più bella del mondo e la più perfetta per un appassionato ed esperto di lettura come te. 
Sono molto affezionata a questa storia, del resto, il primo amore non si scorda mai. Se hai deciso di leggere "Il principe pasta frolla e la leggenda del bacio avvelenato", mi fa molto piacere e ti chiedo di lasciare il tuo commento :)

Buona lettura!


Kinokia sorgeva un tempo in una valle dove il sole era sempre alto nel modo giusto e le stelle facevano da scenografia alle storie più romantiche. Il popolo dei kinokiani era fatto di gente umile e dal buon cuore. Le donne erano di piccola statura con il corpicino aggraziato e i capelli ramati. Gli uomini erano di media statura e robusti. Non presentavano un fisico da guerrieri ma erano forti e massicci. I loro abiti erano vivaci e le stoffe richiamavano i colori delle caramelle.
Ogni giorno, lavoravano operosamente per mantenere vivo …

Come arrivare sull’isola che non c’è: la fata coraggiosa Totta1964

Cari naviganti e cari prosumer,

secondo voi, le fate di oggi possono dirci come arrivare sull’isola che non c’è? Io dico di si.
Quando immaginiamo le fate, immediatamente pensiamo a piccoli esserini dal corpicino perfetto, con ali e labbra da baciare e capelli che fanno “splash” come in un famoso spot di prodotti per capelli; qualcuno associa le fatine a donne minuscole con un cappellino a forma di fungo e che stanno in una mano sola.
In verità, non tutte le fate si somigliano. Ognuna di noi ha un aspetto diverso; per esempio, quelle che conosco io sono delle piccole grandi donne che iniziano le giornate in posizione da corsa, pronte a raggiungere un traguardo e a vincere una nuova sfida.Alcune di queste fatine, sono simili a quelle del Labirinto del fauno con la differenza che, anziché essere nascoste in una borsetta magica, si trovano in mezzo a noi e basta un click sui social network per entrare nel loro mondo incantato, dove, con parole gentili e foto che catturano l’attenzione dei p…