Un libro da regalare a Natale

Passa ai contenuti principali

Un libro da regalare a Natale

Cari naviganti e cari prosumer, 
il libro giusto da regalare a Natale è il mio romanzo d'esordio Un punto nel cerchio del tempo. Incredibile che siano già volati tre mesi da quando mi sono decisa ad autopubblicarlo.

Credo di aver compreso in pieno il significato della paura che ostacola il corso delle cose. Se penso a quanto tempo ho lasciato le protagoniste femminili Greta Le Clerc e Vittoria Benincasa chiuse in un freddo hard disk, mi chiedo perché non ho fatto prima la scelta di cui vado fiera. 
Si dice che non impariamo solo dagli errori, ma anche dai piccoli progressi che facciamo. 
Un punto nel cerchio del tempo è il mio piccolo grande passo verso una lunga serie di libri che ho deciso di pubblicare, di nuovo con self-publishing o con una casa editrice non lo so. 
Quello che vi dico è che sarete felici di leggere o di regalare il mio libro perché è un genere di narrativa diverso. Anzi, sapete che nella fase iniziale avevo dei dubbi sul genere di collocazione? Poi, ho riflettuto che la mia storia possiede gran parte degli elementi della narrativa fantasy, soprattutto la creazione di nuovi mondi. Sì. L'avventura letteraria di Vittoria Benincasa ha creato una storia nella storia che si ambienta in una Napoli parallela, dove esseri fantastici prendono vita e fanno da aiutanti e da oppositori a Greta Le Clerc.
Avrei potuto pubblicare tante altre storie per il mio esordio, ma ho voluto fortemente che fosse questa perché è cresciuta con me e si è sviluppata mentre la mia voglia di scrivere diventava sempre più forte. Quando sono nati Samantha Rubieno, Miracolosamente Pia, Il Principe Pasta Frolla, Debordia e molti altri, Vittoria Benincasa e Greta Le Clerc esistevano già, aspettavano solo il momento opportuno per presentarsi a voi lettori, giudici supremi della scrittura. 

Avete quattro motivi per inserire "Un punto nel cerchio del tempo" nella lista dei doni natalizi:


1) potete scegliere il mio libro tra i libri da regalare a Natale perché potete ordinarlo da Amazon e riceverlo direttamente a casa, farlo recapitare all'indirizzo della persona a cui volete fare questo dono, perché potete includerlo nella lista degli ebook da leggere ebook su Kindle e su Kindle Unlimited e perché potete leggere un piccolo estratto prima di compralo;

2) potete scegliere Un punto nel cerchio del tempo perché può essere un esempio per tutti gli aspiranti scrittori che hanno un romanzo nel cassetto e che hanno bisogno di trovare il coraggio di pubblicarlo e di mettersi in gioco. Esistono tante altre storie, ma la mia merita di essere letta per fare felici i personaggi che hanno atteso tanto tempo per vivere nella vostra fantasia;

3) il mio è un libro da leggere perché avete una missione importante: posso diventare una scrittrice solo se mi fate l'onore di diventare il mio pubblico leggendo i miei racconti e i prossimi libri che pubblicherò;

4) la cosa che desidero di più a Natale è vedere il mio libro nelle foto dei vostri bellissimi presepi e alberi con l'hashtag #unpuntonelcerchiodeltempo e #libridaleggere Me lo fate questo regalo? Spero di sì perché realizzereste uno dei miei più grandi sogni. 






Post popolari in questo blog

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Una città magica accoglie il prodigio di San Gennaro

Cari naviganti e cari prosumer, vi piacerebbe assistere a un grande prodigio? C’è un posto nel mondo dove, per ben tre volte nel giro di un anno, avviene qualcosa di magico. È un luogo ricco di castelli, di storia, mito e tradizione e c’è chi giura di aver persino visto alcuni fantasmi aggirarsi per le strade principali nel cuore della notte. State pensando a Hogwartslo so, ma il luogo in questione è Napoli e sta a voi scegliere di raggiungerla tramite il binario 9 e ¾, con il Nottetempo o con altri mezzi. L’importante è trovarsi in una delle città più magiche del mondo il 19 Settembre: festa di San Gennaro, santo patrono di Napoli.
Gran parte dei napoletani attende trepidante il 19 settembre perché è in questo giorno che San Gennaro compie un grande miracolo: scioglie il suo sangue, segno di buon auspicio per la città. Folle di fedeli e curiosi accorrono ogni anno al Duomo di Napoli per assistere al prodigio, scatenando discussioni di stampo antropologico, sociologico, religioso e scie…