La storia del Babà polacco nella storia di un'aspirante scrittrice

Passa ai contenuti principali

La storia del Babà polacco nella storia di un'aspirante scrittrice

Cari naviganti e cari prosumer,
lo sapete che l'aspirante scrittrice Vittoria Benincasa, un po’ di tempo prima di optare per la famosa drastica soluzione pur di finire il suo romanzo nel cassetto, era anche impegnata in una lettura sulle origini del Babà?

Una delle protagoniste del romanzo fantasy Un punto nel cerchio del tempo preferisce la sfogliatella, ma è sempre stata affascinata dalla storia del Babà, tanto da volerlo inserire nella sua storia, quella che ha fatto nascere la sua Greta Le Clerc. L’interesse verso le origini di questo dolce campano è nato per puro caso, quando Vittoria stava pianificando una vacanza in Polonia.
Da curiosona qual è, si è messa a fare delle ricerche, finendo per caso nella storia di Stanislao Leszczinski, sovrano di Polonia dai primi del Settecento fino al 1735 circa. Vittoria Benincasa è rimasta colpita dal fatto che era un re molto goloso.
Si narra che il vivace Stanislao riuscisse a tenere alta l’attenzione solo mangiando qualcosa di dolce e che era anche molto rompi perché, nel senso letterale del termine, non si accontentava delle briciole; infatti, i servi della cucina non avevano una grande creatività ed erano incapaci di soddisfare i suoi capricci.
A proposito di farina, questa foto è farina di un altro sacco
Il top del top dei dolci, per usare il gergo di Vittoria Benincasa, era il Kugelhupf, che Stanislao il re rifiutava perché troppo secco e poco piacevole al palato. Calcolate che il caro Stanislao amava le bevande che andavano dritte 'int'a cap 'e morte (sì sì, quelle che appaiono anche in “Un puntonel cerchio del tempo”); con questa espressione si indicano gli  alcolici e il vino forte e sembra che, durante l’ennesimo episodio di capricci e rimproveri con un inserviente che gli aveva servito il solito dolce sgradevole, per errore, il re Stanislao lanciò il vassoio contro una bottiglia di Rum e nacque il vero dolce over the top; infatti, il Rum bagnò il dolce rifiutato rendendolo morbido e dandogli una colorazione più dorata, che piacque così tanto al re da fargli ritrovare il buon umore.
Non è mica finita qui. Vittoria Benincasa ha approfondito la ricerca scoprendo che si trattava del Babà, così chiamato perché, Stanislao, che amava leggere, si ispirò al mitico Alì Babà, uno dei personaggi del suo libro preferito, Le Mille e una Notte.
Allora, Napoli che cosa centra? L'aspirante scrittrice Vittoria Benincasa aveva molto da fare, incluso terminare la sua storia, ma la curiosità era così forte che ha deciso di arrivare fino in fondo scoprendo che la figlia del goloso e capriccioso Stanislao era la moglie di Luigi XV di Francia; quindi, è probabile che, dopo essere stato assaggiato dai Francesi, il Babà sia poi giunto nel palato degli abitanti di Napoli durante la presenza degli stessi Francesi alla fine del Settecento.
Vittoria Benincasa è giunta a conclusione che i Napoletani hanno adottato il Babà perfezionandolo nella ricetta e nella classica forma con l’aggiunta di panna e altre creme.  Volete sapere in quale pagina di Un Punto nel Cerchio del Tempo compare il Babà? Cliccate qui.


Commenti

Post popolari in questo blog

La bella e la blogger: Tre muffin e un architetto

Negli ultimi tempi non si fa che parlare di una nuova versione moderna delle eroine delle fiabe classiche. Restano belle e delicate, ma sono forti e molto spesso non hanno bisogno di essere salvate perché si salvano da sole. Al cinema abbiamo ricominciato a sognare con una nuova versione della Bella e la Bestia e ogni giorno i social network ci raccontano le storie non di principesse, ma di fate coraggiose che fanno incantesimi a suon di dolci e pietanze prelibate che fanno venire voglia di prendere a morsi lo smartphone. Queste fate, a volte blogger per professione e altre per passione, post dopo post ci fanno scoprire nuove sfumature della bellezza e la creatrice di Tre muffin e un architetto lo fa con i suoi piatti speciali, in tutte le salse è il caso di dire. Guardando i suoi post ho immaginato una Grimilde golosa che ogni giorno interroga lo specchio sul piatto più bello dell' instagram reame e riceve come risposta che non è bello ciò che bello, ma è bello ciò che piace ma…

Il principe pasta frolla e la leggenda del bacio avvelenato

Caro lettore, questo è uno dei primi racconti che ho scritto per mettermi alla prova e va da sé che non è la più bella del mondo e la più perfetta per un appassionato ed esperto di lettura come te. 
Sono molto affezionata a questa storia, del resto, il primo amore non si scorda mai. Se hai deciso di leggere "Il principe pasta frolla e la leggenda del bacio avvelenato", mi fa molto piacere e ti chiedo di lasciare il tuo commento :)

Buona lettura!


Kinokia sorgeva un tempo in una valle dove il sole era sempre alto nel modo giusto e le stelle facevano da scenografia alle storie più romantiche. Il popolo dei kinokiani era fatto di gente umile e dal buon cuore. Le donne erano di piccola statura con il corpicino aggraziato e i capelli ramati. Gli uomini erano di media statura e robusti. Non presentavano un fisico da guerrieri ma erano forti e massicci. I loro abiti erano vivaci e le stoffe richiamavano i colori delle caramelle.
Ogni giorno, lavoravano operosamente per mantenere vivo …

Come arrivare sull’isola che non c’è: la fata coraggiosa Totta1964

Cari naviganti e cari prosumer,

secondo voi, le fate di oggi possono dirci come arrivare sull’isola che non c’è? Io dico di si.
Quando immaginiamo le fate, immediatamente pensiamo a piccoli esserini dal corpicino perfetto, con ali e labbra da baciare e capelli che fanno “splash” come in un famoso spot di prodotti per capelli; qualcuno associa le fatine a donne minuscole con un cappellino a forma di fungo e che stanno in una mano sola.
In verità, non tutte le fate si somigliano. Ognuna di noi ha un aspetto diverso; per esempio, quelle che conosco io sono delle piccole grandi donne che iniziano le giornate in posizione da corsa, pronte a raggiungere un traguardo e a vincere una nuova sfida.Alcune di queste fatine, sono simili a quelle del Labirinto del fauno con la differenza che, anziché essere nascoste in una borsetta magica, si trovano in mezzo a noi e basta un click sui social network per entrare nel loro mondo incantato, dove, con parole gentili e foto che catturano l’attenzione dei p…