La montanara che non manca mai negli stuzzichini di un’aspirante scrittrice

Passa ai contenuti principali

La montanara che non manca mai negli stuzzichini di un’aspirante scrittrice

Cari naviganti e cari prosumer,
sapete che la montanara è uno dei cibi fritti preferiti di Vittoria Benincasa? C’è una sequenza di “Un punto nel cerchio del tempo“ dove ne gusta una con molto appetito, indovinate quale?
Mentre ci pensate, vi svelo qualche curiosità su questa tipologia di pizza, che nel nome contiene tutta la sua origine. Dovete infatti sapere che si dice montanara perché tanto tanto, ma tanto tempo fa, i contadini che vivevano sulle alte montagne, si concedevano una ghiotta pausa pranzo con delle pagnotte di pane insaporite con un pizzico di pomodoro, formaggio e basilico.
Oggi la montanara è una pizza prima fritta e poi infornata, la cui storia ben si lega a quella della pizza fritta diventata famosa con il film L’oro di Napoli. Questa pizza, buona quanto quella classica al forno, è l’apoteosi dell’ingegno dei napoletani che, durante il dopoguerra, vivendo in condizioni di carestia e povertà, adattarono l’impasto a una tecnica di cottura diversa. Sapete però perché Vittoria Benincasa è molto affezionata alla pizza fritta montanara e anche io? Perché è un esempio di che cosa significa creatività: dare vita a nuove cose con ciò che già esiste. È proprio ciò che hanno fatto i napoletani che, usando gli ingredienti base della pizza, ben pensarono di friggerla anziché infornarla così da non dover necessariamente pensare anche alla farcitura.
“Un punto nel cerchio del tempo” è nato in punta di piedi come la pizza fritta, che pur con pochi mezzi a disposizione, ha voluto con tutte le forze diventare un libro e, ad oggi, lo è grazie a quella bellissima invenzione che si chiama self-publishing; allo stesso modo, così come la pizza è sì rotonda ma non di forma perfetta, questo libro è un libro, ma non è perfetto perché è stato scritto con le sole forze della sua autrice.
Oggi quando si tratta di pizza a Napoli siamo i numeri uno e quando prepariamo quella fritta non ci lasciamo mai sfuggire un ripieno con mozzarella, pomodoro, prosciutto o dei buonissimi cicoli; quando prepariamo la montanara, abbondiamo e la accompagniamo a una buona frittura all'italiana.
Ora, immaginate una scrittrice come Vittoria Benincasa che si gode questo buon cibo, oggi anche street food, mentre prova a dare anima e corpo alla turista francese Greta Le Clerc. Già avete fame? Se la risposta è sì, avete due possibilità: mangiare una montanara o una pizza fritta classica oppure cliccare qui e divorare le pagine di Un punto nel cerchio del tempo; se lo fate, lasciate una recensione e, prima di condividerla, leggete le note dell’autrice che trovate nella descrizione.

Intanto, auguro a tutti voi buone feste.
Alla prossima lampadina,

La fata uncina.

Commenti

Post popolari in questo blog

5 curiosità sul libro e sul film "La Storia Infinita"

Cari naviganti e cari prosumer,
credetemi, La Storia Infinita, titolo originale Die unendliche Geschichte e meglio nota con il titoloThe Neverending Story,è davvero il libro dei libri per chi ama questo genere di letture. Voi, io e tanti altri nemmeno ancora eravamo nati né quando è stato pubblicato il libro (1979) né quando è uscito il film, che fece arricciare il naso allo scrittore Michael Ende, ma è una storia che chiunque dovrebbe conoscere e leggere almeno una volta nella vita, a qualsiasi età. Il contenuto che state per leggere è nato pensando alla nostalgia della dolce infanzia passata a sognare, come voi, di trovarmi al posto di Bastiano Baldassare Bucci per salvare Fantasia e l'Infanta Imperatrice. Così, facendo qualche ricerca, ho trovato un simpatico post pubblicato sul blog 80’s Kids e ho pensato di condividere con voi 5 curiosità sulla Storia Infinita;se poi iniziate a canticchiare “The neverending stoooooooooooooooooooryyy” non dite che non vi avevo avvertito. Che cos…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Recensione libro “La croce della vita”, il fantasy di Valentina Marcone

Cari naviganti e cari prosumer, avevo in programma da un bel po’ di parlarvi di un libro davvero ipnotico: il romanzo “La croce della vita”, volume della saga fantasy di Valentina Marcone, edito da Nativi digitali edizioni.

L'urban fantasy di Valentina Marcone strega il lettore dalla prima all’ultima parola. Sarà che parla di vampiri, ma è un libro che "succhia" letteralmente l’attenzione come il caro buon vecchio Dracula farebbe con un collo invitante e carico di sangue succulento. 
Sapete perché? Perché scrivere un libro fantasy non è affatto semplice.
Chi preferisce generi letterari diversi tende a credere che un testo basato su mondi immaginari e creature incredibili come fate, mostri, o, nel caso specifico di questo articolo, vampiri, sia come accendere il motore di una macchina e partire in quarta senza una meta, buttando qui e lì espressioni, azioni, emozioni e conseguenze suggerite dall'istinto. 
Creare un mondo da zero è tutt’altro che semplice ed è lontano dal…