Passa ai contenuti principali

Come scrivere un libro e non lasciarlo nel cassetto




Cari naviganti e cari prosumer,

 siete dei booklovers e vi state chiedendo come scrivere un libro? Il feed del vostro Instagram è ricco di copertine di libri bellissimi, recensioni, nuove uscite e classici? Da diverso tempo avete avviato un manoscritto e siete in cerca di suggerimenti utili per terminarlo? Allora, quello che state leggendo potrebbe essere il post adatto perché, nelle righe seguenti, provo a spiegarvi in che modo concludere un progetto letterario e non lasciarlo nel cassetto.
Partiamo dal presupposto che qui, se c’è qualcuno che continua a non capirci molto, beh sono proprio io, nel senso che sono appena agli inizi  della mia avventura letteraria, se così si può chiamare. Quello che posso fare per aiutarvi è spiegarvi gli step che per me sono stati significativi  sia prima che dopo la pubblicazione del mio primo libro.
Sono certa che questo non è il primo contenuto che leggete su come scrivere un libro e ci tengo precisare che nemmeno io sono in grado di svelare la formula segreta per dare vita al manoscritto più bello di sempre e renderlo un best seller, anzi, se riuscite a scoprirla, fatemi sapere :P
Ciò che potete apprendere dalle mie umili parole deriva dalla mia personale esperienza di redazione di un manoscritto, incluse tutte le difficoltà. Mi auguro che, nel leggere quanto segue, possiate trarre giovamento e facilitare la pianificazione del libro dei vostri sogni.
Iniziamo? Direi di Sì:

      Il razionarillion: razionalità vs fantasia

Ogni aspirante scrittore prova almeno una volta a settimana a buttare giù idee innovative per un bel libro; spesso, queste idee vengono a trovare i cassetti della nostra fantasia durante i viaggi in treno, sull’autobus, mentre siamo alla posta a fare la fila, oppure quando stiamo contemplando la bellezza di qualcosa che ci ha colpito, per esempio un bellissimo panorama al tramonto che sembra indicarci l’indirizzo per l’Isola che non c’è (magari!). Al di là di tutto, non appena proviamo a sviluppare le idee, prima tutto ci appare magnifico e poi, pian piano, abbiamo la sensazione di avere la creatività strozzata. La ragione di questo disagio è dovuta all’ entusiasmo iniziale, che ci spinge a voler scrivere di getto tutto il nostro romanzo sin dalle prime fasi e che, in seguito, ci induce a mollare perché non sappiamo dove mettere le mani.
L’antidoto agli scherzetti dell’entusiasmo creativo si chiama razionalità. Sì, lo so che sembra strano parlare di razionalità in un blog che celebra il potere della fantasia, ma è la pura verità. Una buona storia si sviluppa pianificando e adottando la giusta razionalità per capire che cosa può o non può funzionare. Quindi, la soluzione ideale per non lasciar morire le potenziali idee che vi vengono in mente è di appuntarle per schemi, provando a creare dei collegamenti concettuali dai quali poter dare vita a un personaggio, a un fatto, a un evento e tutto senza fretta alcuna; dopo aver avuto la vostra lampadina, vi ritroverete a scarabocchiare e cancellare tante volte diversi spunti. Non temete! È normale, non siete soli, accade a qualsiasi scrittore, anche quelli più bravi del mondo.

      Dateci un taglio

Potrei dilungarmi, ma il messaggio sembra chiaro: quando iniziate a scrivere un libro, dateci un taglio. In altre parole, non abbiate paura di tagliare ciò che avete scritto, in particolar modo quando siete alle prime stesure; naturalmente, conservate i punti che avete tagliato in un file a parte, nel caso dovessero ritornarvi utili in un secondo momento.


Togliete gli occhi dai cellulari e alzateli al cielo


Nell’era digitale, dove tutto è social, tutto va condiviso, tutto va letto, consultato, cuorato e chi più ne ha più ne metta, sembra impossibile staccare gli occhi dal cellulare. Il punto è che ogni tanto fa bene ricordarsi che i soggetti delle bellissime foto che ammirate sui vostri social preferiti sono parte del mondo reale che vi circonda. Sarà un caso che i grandi scrittori del passato, vita vissuta a parte, abbiano scritto dei libri che sono diventati evergreen? Non credo. Si sono lasciati ispirare dai profumi, dai colori e dalle storie delle persone in carne e ossa; insomma, per scrivere una bella storia, o almeno carina, appetibile, che faccia viaggiare il lettore in un mondo immaginario che merita di essere esplorato, dovete (ri)cominciare a scrollare la realtà e non gli schermi dei vostri cellulari!


 Tempo batte tempo

Un libro si scrive diventando amici del tempo.  Quando scrivete un libro, dovete ragionare come se fosse un lavoro, anche se non lo è ancora e se nessuno ancora sa che ne state scrivendo uno. Quindi, stabilite tante piccole date di scadenza entro le quali ultimare un blocco di pagine o un determinato numero di capitoli e pianificate i giorni da dedicare unicamente alla stesura del vostro manoscritto, senza distrazioni!
Non potete pretendere di scrivere un libro e di voler fare vita mondana tra aperitivi, spiaggia, shopping e maratone di serie tv. Per quest’ultimo fattore, è stata dura anche per me e lo è ogni volta che scrivo, ma per raggiungere uno scopo, ahimè qualche sacrificio bisogna farlo; dunque, bilanciate i momenti da dedicare allo svago e quelli per lavorare al vostro romanzo nel cassetto.

Siate autocritici e fidatevi


Quando, cosa che vi auguro, raggiungete un corposo numero di pagine, fermatevi un attimo prima di continuare la vostra storia e rileggete tutto ciò che avete scritto. Consiglio suggerito  dai massimi esperti: leggete ad alta voce per individuare gran parte degli errori e, in seguito, correggete e tagliate senza pietà ciò che non gradite.
Notate che avete alcune carenze nello stile o nel lessico? Non buttatevi giù, ma ricorrete alla magia della lettura degli autori che ogni aspirante scrittore dovrebbe leggere! Del resto, se volte scrivere bene, dovete leggere tanto.
Infine, se ne avete la possibilità, quando siete giunti alla conclusione della vostra opera, prima di proporla a un editore (se ne avete la fortuna) o di autopubblicarla come ho fatto io, fatela leggere a qualcuno di cui avete piena fiducia per ricevere un parere onesto. Persino il mitico J. R. R. Tolkien affidava ai propri figli la prima lettura dei suoi manoscritti! E se lo faceva lui, mi sa che devono tutti J
Voi come vi organizzate per dedicarvi alla scrittura? Commentate!


A presto e alla prossima lampadina!

Post popolari in questo blog

Una città magica accoglie il prodigio di San Gennaro

Cari naviganti e cari prosumer, vi piacerebbe assistere a un grande prodigio? C’è un posto nel mondo dove, per ben tre volte nel giro di un anno, avviene qualcosa di magico. È un luogo ricco di castelli, di storia, mito e tradizione e c’è chi giura di aver persino visto alcuni fantasmi aggirarsi per le strade principali nel cuore della notte. State pensando a Hogwartslo so, ma il luogo in questione è Napoli e sta a voi scegliere di raggiungerla tramite il binario 9 e ¾, con il Nottetempo o con altri mezzi. L’importante è trovarsi in una delle città più magiche del mondo il 19 Settembre: festa di San Gennaro, santo patrono di Napoli.
Gran parte dei napoletani attende trepidante il 19 settembre perché è in questo giorno che San Gennaro compie un grande miracolo: scioglie il suo sangue, segno di buon auspicio per la città. Folle di fedeli e curiosi accorrono ogni anno al Duomo di Napoli per assistere al prodigio, scatenando discussioni di stampo antropologico, sociologico, religioso e scie…

5 curiosità sul libro e sul film "La Storia Infinita"

Cari naviganti e cari prosumer,
credetemi, La Storia Infinita, titolo originale Die unendliche Geschichte e meglio nota con il titoloThe Neverending Story,è davvero il libro dei libri per chi ama questo genere di letture. Voi, io e tanti altri nemmeno ancora eravamo nati né quando è stato pubblicato il libro (1979) né quando è uscito il film, che fece arricciare il naso allo scrittore Michael Ende, ma è una storia che chiunque dovrebbe conoscere e leggere almeno una volta nella vita, a qualsiasi età. Il contenuto che state per leggere è nato pensando alla nostalgia della dolce infanzia passata a sognare, come voi, di trovarmi al posto di Bastiano Baldassare Bucci per salvare Fantasia e l'Infanta Imperatrice. Così, facendo qualche ricerca, ho trovato un simpatico post pubblicato sul blog 80’s Kids e ho pensato di condividere con voi 5 curiosità sulla Storia Infinita;se poi iniziate a canticchiare “The neverending stoooooooooooooooooooryyy” non dite che non vi avevo avvertito. Che cos…

Il club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey

Cari naviganti e cari prosumer,   la buccia di patata che cosa vi fa venire in mente? Da quando ho visto un meraviglioso film tratto dal romanzo di Mary Ann Shaffer e Annie Barrows, penso a una sola cosa: Il club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey. Le storie contenute nei libri sono sempre più belle rispetto al riadattamento cinematografico, salvo alcuni casi in cui il film apporta un valore aggiunto, riuscendo a stuzzicare la voglia di saperne di più leggendo un libro. Penso a Storia di una ladra di libri (Markus Zusak),Harry Potter (J. K. Rowling), Grand Budapest Hotel (tratto dalle storie di Stefan Zweig), Lo cunto de li cunti(Gian Battista Basile),La storia infinita (Michael Ende), per citarne giusto qualcuno. Direi che sono lungometraggi che arricchiscono la già bellissima storia del libro dal quale sono tratti e che lasciano con la pace nel cuore, quasi aiutano a completare l’immagine dei personaggi che ci siamo costruiti nella mente lettura dopo lettura; per q…

Fare o non fare, non c'è provare se vuoi scrivere un libro

Cari naviganti e cari prosumer, vi piacerebbe leggere un racconto fantastico fuori dagli schemi e scoprire un’insolita dimensione di Napoli? Un anno fa, un piccolo numero di lettori ha iniziato a farlo e altri ancora lo hanno fatto questa estate. Un libro promette di regalarvi ore e giorni di evasione con la storia che racconta, spingendovi ad arrivare fino alla fine.  Il racconto del quale vi sto parlando è nato tanto tempo fa ed è per me la prova di quanto siano importanti le scelte che decidete di compiere adesso, senza aspettare di fare tutto domani, tra un mese o forse mai. Ho imparato che è inutile aspettare la perfezione totale, soprattutto quando siete appena all’inizio di un nuovo cammino perché sarà inevitabile inciampare in errori, passi da compiere in un momento diverso e così via; il fatto è che è proprio grazie a questi piccoli errori che potete avere l’occasione di comprendere qual è la direzione giusta da prendere e correggere la linea che state seguendo. Va anche detto …