Passa ai contenuti principali

Il viaggio come ispirazione per stimolare la creatività





Cari naviganti e cari prosumers,
fate parte di quella schiera di persone che, non appena sente nominare la parola viaggio, inizia a raddrizzare la curva del sorriso? Se avete risposto di sì, questo è il post che stavate cercando; se, invece, avete risposto di no, è lo stesso il post che stavate cercando perché non si viaggia solo per cercare la propria felicità o per evadere, ma anche per trovare ciò che è croce e delizia di ogni artista: l’ispirazione.
Siamo soliti pensare che l’ispirazione sia l’unico mezzo necessario per creare cose meravigliose; in parte è così, ma solo per i pochi veri geni talentuosi che abitano il nostro pianeta. Del resto, questi ultimi, non si crogiolano sul proprio talento e sulla propria genialità, ma si impegnano ogni giorno a diventare più bravi, lavorando sodo quando si accorgono di non sapere fare qualcosa e, soprattutto, non permettono a nessuno di dirgli che cosa sono o meno in grado di poter fare. 
L’ispirazione è quella lampadina fatata che giunge all’improvviso quando meno ce l’aspettiamo, ma affinché giunga a noi dobbiamo muovere il culetto per primi (oh scusate, ho detto una piccola parolaccia). Eh sì, avete sentito bene. A meno che non siate artisti o scrittori occasionali, se volete fare del vostro talento e della vostra passione la vostra ragione di vita, non potete aspettare giorni e giorni che l’ispirazione arrivi, dovete attivarvi affinché il vostro processo creativo sia sempre vivo.
Mi viene da dire che se l’appetito vien mangiando, l’ispirazione vien viaggiando.  Un viaggio vi aiuta a trovare le idee per scrivere un racconto e non solo. Sapete perché? La risposta è nella scoperta del nuovo, di ciò che non sappiamo. Pensate ai nuovi profumi che sentite passeggiando per le vie di città straniere, ai colori degli edifici, dell’arredamento dei negozi, dei palazzi, dei mercatini; oppure, alla cosa più bella che ci sia: gli sguardi delle persone che incontrerete durante il vostro cammino, il modo di contaminare la vostra cultura con la loro imparando nuovi termini, ascoltando musica diversa da quella abituale e assorbendo come spugne usanze e tradizioni che, in alcuni casi, possono cambiare anche il vostro modo di vedere la vita.
Viaggiare vi permette di trasformare i luoghi che visitate nell’ambientazione per i vostri romanzi e testi teatrali e di fare delle forme e dei colori che incontrate i temi per dipingere, fotografare, creare scenografie, scrivere canzoni, poesie e molto altro.
Se non avete la possibilità di viaggiare verso luoghi sconosciuti, trasformatevi in turisti della vostra città. Sarete sorpresi dalle meraviglie nascoste che troverete e dalle idee che inizieranno a frullarvi nella testa, che daranno voce a personaggi che vi tortureranno fino a quando non gli darete vita scrivendo le prime parole su un nuovo foglio bianco, digitale o di carta.
Quali sono i posti che vi hanno ispirato per le vostre opere? Per quanto mi riguarda, al primo posto c’è la mia Napoli e a seguire la magica Parigi e la favolosa Puglia.



Post popolari in questo blog

Come arrivare sull’isola che non c’è: la fata coraggiosa Totta1964

Cari naviganti e cari prosumers,

secondo voi, le fate di oggi possono dirci come arrivare sull’isola che non c’è? Io dico di si.
Quando immaginiamo le fate, immediatamente pensiamo a piccoli esserini dal corpicino perfetto, con ali e labbra da baciare e capelli che fanno “splash” come in un famoso spot di prodotti per capelli; qualcuno associa le fatine a donne minuscole con un cappellino a forma di fungo e che stanno in una mano sola.
In verità, non tutte le fate si somigliano. Ognuna di noi ha un aspetto diverso; per esempio, quelle che conosco io sono delle piccole grandi donne che iniziano le giornate in posizione da corsa, pronte a raggiungere un traguardo e a vincere una nuova sfida.Alcune di queste fatine, sono simili a quelle del Labirinto del fauno con la differenza che, anziché essere nascoste in una borsetta magica, si trovano in mezzo a noi e basta un click sui social network per entrare nel loro mondo incantato, dove, con parole gentili e foto che catturano l’attenzione dei …

Un libro da regalare a Natale

Cari naviganti e cari prosumers, 
il libro giusto da regalare a Natale è il mio romanzo d'esordio Un punto nel cerchio del tempo. Incredibile che siano già volati tre mesi da quando mi sono decisa ad autopubblicarlo.
Credo di aver compreso in pieno il significato della paura che ostacola il corso delle cose. Se penso a quanto tempo ho lasciato le protagoniste femminili Greta Le Clerc e Vittoria Benincasa chiuse in un freddo hard disk, mi chiedo perché non ho fatto prima la scelta di cui vado fiera.  Si dice che non impariamo solo dagli errori, ma anche dai piccoli progressi che facciamo.  Un punto nel cerchio del tempoè il mio piccolo grande passo verso una lunga serie di libri che ho deciso di pubblicare, di nuovo con self-publishing o con una casa editrice non lo so.  Quello che vi dico è che sarete felici di leggere o di regalare il mio libro perché è un genere di narrativa diverso. Anzi, sapete che nella fase iniziale avevo dei dubbi sul genere di collocazione? Poi, ho riflettut…

L’amore di una mamma per un figlio. La fata coraggiosa Gabriella Schiavone

Cari naviganti e cari prosumers, conoscete il detto i figli so’ pezzi ‘e core? In queste poche paroline si racchiude il senso profondo dell’amore di una madre per un figlio e, aggiungerei, anche dei papà. Nella nostra vita possiamo conoscere tante forme di amore, ma quella che proviamo quando diventiamo genitori ci permette di comprendere l’immenso e infinito bene che provano per noi la nostra mamma e il nostro papà. In punta di piedi, vi racconto la storia della fata coraggiosa Gabriella Schiavone, esempio dell’amore di una mamma per un figlio. Lei non posta dolci, condivide la dolcezza di una mente rosa che ha positivamente sfruttato le potenzialità del mondo virtuale e delle parole per guidare suo figlio, un meraviglioso ragazzo con disturbi dell’apprendimento e attentivi, in ogni momento della vita. L’incontro tra noi due è avvenuto per caso, quando ho trovato la condivisione del suo concorso letterario in un gruppo facebook dedicato agli scrittori. Gabriella è una madre che ogni g…