Il viaggio come ispirazione per stimolare la creatività

Passa ai contenuti principali

Il viaggio come ispirazione per stimolare la creatività





Cari naviganti e cari prosumer,
fate parte di quella schiera di persone che, non appena sente nominare la parola viaggio, inizia a raddrizzare la curva del sorriso? Se avete risposto di sì, questo è il post che stavate cercando; se, invece, avete risposto di no, è lo stesso il post che stavate cercando perché non si viaggia solo per cercare la propria felicità o per evadere, ma anche per trovare ciò che è croce e delizia di ogni artista: l’ispirazione.
Siamo soliti pensare che l’ispirazione sia l’unico mezzo necessario per creare cose meravigliose; in parte è così, ma solo per i pochi veri geni talentuosi che abitano il nostro pianeta. Del resto, questi ultimi, non si crogiolano sul proprio talento e sulla propria genialità, ma si impegnano ogni giorno a diventare più bravi, lavorando sodo quando si accorgono di non sapere fare qualcosa e, soprattutto, non permettono a nessuno di dirgli che cosa sono o meno in grado di poter fare. 
L’ispirazione è quella lampadina fatata che giunge all’improvviso quando meno ce l’aspettiamo, ma affinché giunga a noi dobbiamo muovere il culetto per primi (oh scusate, ho detto una piccola parolaccia). Eh sì, avete sentito bene. A meno che non siate artisti o scrittori occasionali, se volete fare del vostro talento e della vostra passione la vostra ragione di vita, non potete aspettare giorni e giorni che l’ispirazione arrivi, dovete attivarvi affinché il vostro processo creativo sia sempre vivo.
Mi viene da dire che se l’appetito vien mangiando, l’ispirazione vien viaggiando.  Un viaggio vi aiuta a trovare le idee per scrivere un racconto e non solo. Sapete perché? La risposta è nella scoperta del nuovo, di ciò che non sappiamo. Pensate ai nuovi profumi che sentite passeggiando per le vie di città straniere, ai colori degli edifici, dell’arredamento dei negozi, dei palazzi, dei mercatini; oppure, alla cosa più bella che ci sia: gli sguardi delle persone che incontrerete durante il vostro cammino, il modo di contaminare la vostra cultura con la loro imparando nuovi termini, ascoltando musica diversa da quella abituale e assorbendo come spugne usanze e tradizioni che, in alcuni casi, possono cambiare anche il vostro modo di vedere la vita.
Viaggiare vi permette di trasformare i luoghi che visitate nell’ambientazione per i vostri romanzi e testi teatrali e di fare delle forme e dei colori che incontrate i temi per dipingere, fotografare, creare scenografie, scrivere canzoni, poesie e molto altro.
Se non avete la possibilità di viaggiare verso luoghi sconosciuti, trasformatevi in turisti della vostra città. Sarete sorpresi dalle meraviglie nascoste che troverete e dalle idee che inizieranno a frullarvi nella testa, che daranno voce a personaggi che vi tortureranno fino a quando non gli darete vita scrivendo le prime parole su un nuovo foglio bianco, digitale o di carta.
Quali sono i posti che vi hanno ispirato per le vostre opere? Per quanto mi riguarda, al primo posto c’è la mia Napoli e a seguire la magica Parigi e la favolosa Puglia.



Post popolari in questo blog

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Dieci buoni propositi per il nuovo anno degli aspiranti scrittori

Cari naviganti e cari prosumer, sembrava tanto lontano e, invece, eccoci insieme a celebrare il primo giorno del 2018 pensando ai dieci buoni propositi da realizzare nel nuovo anno. Questo giorno per me oggi è carico di una magia chiamata Parigi, dove mi trovo in queste settimane per passeggiare nei luoghi dove di solito Greta Le Clerc fa shopping. Questo blog è nato per pubblicare racconti a puntate, per parlare di viaggi e condividere pezzi di creatività. Poi, le cose hanno preso una piega così particolare da non saperne dare una definizione precisa; chi di voi mi segue sa che di viaggi si è parlato non molto, ma di racconti ne sono stati pubblicati tanti, uno dei più gettonati è Sugarfree, ambientato proprio qui nella città dell’amore. Mai avrei pensato di scrivere in prima persona sul blog né di incontrare e far nascere le fate coraggiose, alle quali sono sempre più affezionata. 
Quante cose del 2017 avete deciso di portare con voi nel 2018? Io diverse, ma quella che, come sicurament…