Il viaggio come ispirazione per stimolare la creatività

Passa ai contenuti principali

Il viaggio come ispirazione per stimolare la creatività





Cari naviganti e cari prosumer,
fate parte di quella schiera di persone che, non appena sente nominare la parola viaggio, inizia a raddrizzare la curva del sorriso? Se avete risposto di sì, questo è il post che stavate cercando; se, invece, avete risposto di no, è lo stesso il post che stavate cercando perché non si viaggia solo per cercare la propria felicità o per evadere, ma anche per trovare ciò che è croce e delizia di ogni artista: l’ispirazione.
Siamo soliti pensare che l’ispirazione sia l’unico mezzo necessario per creare cose meravigliose; in parte è così, ma solo per i pochi veri geni talentuosi che abitano il nostro pianeta. Del resto, questi ultimi, non si crogiolano sul proprio talento e sulla propria genialità, ma si impegnano ogni giorno a diventare più bravi, lavorando sodo quando si accorgono di non sapere fare qualcosa e, soprattutto, non permettono a nessuno di dirgli che cosa sono o meno in grado di poter fare. 
L’ispirazione è quella lampadina fatata che giunge all’improvviso quando meno ce l’aspettiamo, ma affinché giunga a noi dobbiamo muovere il culetto per primi (oh scusate, ho detto una piccola parolaccia). Eh sì, avete sentito bene. A meno che non siate artisti o scrittori occasionali, se volete fare del vostro talento e della vostra passione la vostra ragione di vita, non potete aspettare giorni e giorni che l’ispirazione arrivi, dovete attivarvi affinché il vostro processo creativo sia sempre vivo.
Mi viene da dire che se l’appetito vien mangiando, l’ispirazione vien viaggiando.  Un viaggio vi aiuta a trovare le idee per scrivere un racconto e non solo. Sapete perché? La risposta è nella scoperta del nuovo, di ciò che non sappiamo. Pensate ai nuovi profumi che sentite passeggiando per le vie di città straniere, ai colori degli edifici, dell’arredamento dei negozi, dei palazzi, dei mercatini; oppure, alla cosa più bella che ci sia: gli sguardi delle persone che incontrerete durante il vostro cammino, il modo di contaminare la vostra cultura con la loro imparando nuovi termini, ascoltando musica diversa da quella abituale e assorbendo come spugne usanze e tradizioni che, in alcuni casi, possono cambiare anche il vostro modo di vedere la vita.
Viaggiare vi permette di trasformare i luoghi che visitate nell’ambientazione per i vostri romanzi e testi teatrali e di fare delle forme e dei colori che incontrate i temi per dipingere, fotografare, creare scenografie, scrivere canzoni, poesie e molto altro.
Se non avete la possibilità di viaggiare verso luoghi sconosciuti, trasformatevi in turisti della vostra città. Sarete sorpresi dalle meraviglie nascoste che troverete e dalle idee che inizieranno a frullarvi nella testa, che daranno voce a personaggi che vi tortureranno fino a quando non gli darete vita scrivendo le prime parole su un nuovo foglio bianco, digitale o di carta.
Quali sono i posti che vi hanno ispirato per le vostre opere? Per quanto mi riguarda, al primo posto c’è la mia Napoli e a seguire la magica Parigi e la favolosa Puglia.



Commenti

Post popolari in questo blog

5 curiosità sul libro e sul film "La Storia Infinita"

Cari naviganti e cari prosumer,
credetemi, La Storia Infinita, titolo originale Die unendliche Geschichte e meglio nota con il titoloThe Neverending Story,è davvero il libro dei libri per chi ama questo genere di letture. Voi, io e tanti altri nemmeno ancora eravamo nati né quando è stato pubblicato il libro (1979) né quando è uscito il film, che fece arricciare il naso allo scrittore Michael Ende, ma è una storia che chiunque dovrebbe conoscere e leggere almeno una volta nella vita, a qualsiasi età. Il contenuto che state per leggere è nato pensando alla nostalgia della dolce infanzia passata a sognare, come voi, di trovarmi al posto di Bastiano Baldassare Bucci per salvare Fantasia e l'Infanta Imperatrice. Così, facendo qualche ricerca, ho trovato un simpatico post pubblicato sul blog 80’s Kids e ho pensato di condividere con voi 5 curiosità sulla Storia Infinita;se poi iniziate a canticchiare “The neverending stoooooooooooooooooooryyy” non dite che non vi avevo avvertito. Che cos…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Recensione libro “La croce della vita”, il fantasy di Valentina Marcone

Cari naviganti e cari prosumer, avevo in programma da un bel po’ di parlarvi di un libro davvero ipnotico: il romanzo “La croce della vita”, volume della saga fantasy di Valentina Marcone, edito da Nativi digitali edizioni.

L'urban fantasy di Valentina Marcone strega il lettore dalla prima all’ultima parola. Sarà che parla di vampiri, ma è un libro che "succhia" letteralmente l’attenzione come il caro buon vecchio Dracula farebbe con un collo invitante e carico di sangue succulento. 
Sapete perché? Perché scrivere un libro fantasy non è affatto semplice.
Chi preferisce generi letterari diversi tende a credere che un testo basato su mondi immaginari e creature incredibili come fate, mostri, o, nel caso specifico di questo articolo, vampiri, sia come accendere il motore di una macchina e partire in quarta senza una meta, buttando qui e lì espressioni, azioni, emozioni e conseguenze suggerite dall'istinto. 
Creare un mondo da zero è tutt’altro che semplice ed è lontano dal…