Passa ai contenuti principali

La creatività femminile e la rivoluzione tecnologica



Cari naviganti e cari prosumer,
sono del parere che tutte le cose possiedano un lato positivo e uno negativo e che il bicchiere sia mezzo pieno se lo si guarda dalla prospettiva giusta. C’è un tal parlare della dipendenza dal Web, dell'ossessione per i social network e della mania di controllare il cellulare diverse, troppe volte in un giorno, che ormai ogni cosa è considerata scontata. Come negarlo? Ci sono studi scientifici, servizi televisivi, articoli di blog dedicati che ne parlano.
Il fatto è che i più dimenticano che ogni rivoluzione tecnologica ha sempre portato i pro e i contro; pensate all’introduzione delle prime ferrovie e dei treni, grazie ai quali è stato possibile ottimizzare il tempo per i viaggi, per trasportare le merci e velocizzare così l’intero circuito produttivo della società e, allo stesso modo, pensate al numero di spiacevoli incidenti non previsti causati da queste invenzioni. Medesimo discorso per le prime automobili e, ancor di più, per le prime macchine inserite all’interno delle fabbriche, dove, se da un lato il lavoro è aumentato, dall’altro ci sono state altre conseguenze.
In ambo i casi e in tanti altri, ci sono state delle piacevoli reazioni a catena. Una di quelle che mi viene in mente, mentre scrivo questo post, è legata agli scrittori del passato che si sono lasciati ispirare dalle invenzioni del proprio tempo. Un esempio? (Solo uno dei tanti, sia chiaro!) La penna di Mary Shelley, tra l’altro figlia di un illuminista e di una pre-femminista, che è stata inevitabilmente influenzata dalle scoperte scientifiche della sua epoca e dagli esperimenti sul corpo umano, tanto da scrivere una delle opere letterarie più geniali e più riuscite di tutti i tempi: Frankenstein, o il Moderno Prometeo.
Probabilmente, senza gli avvenimenti avvenuti tra fine Settecento e inizi Ottocento, Mary Shelley avrebbe dedicato la sua vita alla scrittura per allontanare i propri personali dispiaceri e tragedie, ma non avrebbe scritto un’opera così bella, ispirando le successive generazioni di scrittori; in più, forse chissà, la serie Penny Dreadful non avrebbe visto nascere il bellissimo personaggio di Brona Croft.
La rivoluzione digitale portata dalla Rete Internet ha generato e sta generando influenze simili, grazie alla possibilità di creare progetti digitali interessanti e utili, proprio come gran parte delle fate coraggiose, che investono parte del proprio tempo nel curare e ideare blog: cucina e ricette, libri, vita da mamma, fitness, consigli fai da te, lezioni di lingua italiana e straniera che, ogni giorno, alleggeriscono la quotidianità degli utenti con suggerimenti pratici e semplici da seguire.
Senza la diffusione dei computer e degli smartphone tutto questo sarebbe stato impensabile. Siete d’accordo?

Post popolari in questo blog

Un libro da regalare a Natale

Cari naviganti e cari prosumer, 
il libro giusto da regalare a Natale è il mio romanzo d'esordio Un punto nel cerchio del tempo. Incredibile che siano già volati tre mesi da quando mi sono decisa ad autopubblicarlo.
Credo di aver compreso in pieno il significato della paura che ostacola il corso delle cose. Se penso a quanto tempo ho lasciato le protagoniste femminili Greta Le Clerc e Vittoria Benincasa chiuse in un freddo hard disk, mi chiedo perché non ho fatto prima la scelta di cui vado fiera.  Si dice che non impariamo solo dagli errori, ma anche dai piccoli progressi che facciamo.  Un punto nel cerchio del tempoè il mio piccolo grande passo verso una lunga serie di libri che ho deciso di pubblicare, di nuovo con self-publishing o con una casa editrice non lo so.  Quello che vi dico è che sarete felici di leggere o di regalare il mio libro perché è un genere di narrativa diverso. Anzi, sapete che nella fase iniziale avevo dei dubbi sul genere di collocazione? Poi, ho riflettuto…

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

L’amore di una mamma per un figlio. La fata coraggiosa Gabriella Schiavone

Cari naviganti e cari prosumer, conoscete il detto i figli so’ pezzi ‘e core? In queste poche paroline si racchiude il senso profondo dell’amore di una madre per un figlio e, aggiungerei, anche dei papà. Nella nostra vita possiamo conoscere tante forme di amore, ma quella che proviamo quando diventiamo genitori ci permette di comprendere l’immenso e infinito bene che provano per noi la nostra mamma e il nostro papà. In punta di piedi, vi racconto la storia della fata coraggiosa Gabriella Schiavone, esempio dell’amore di una mamma per un figlio. Lei non posta dolci, condivide la dolcezza di una mente rosa che ha positivamente sfruttato le potenzialità del mondo virtuale e delle parole per guidare suo figlio, un meraviglioso ragazzo con disturbi dell’apprendimento e attentivi, in ogni momento della vita. L’incontro tra noi due è avvenuto per caso, quando ho trovato la condivisione del suo concorso letterario in un gruppo facebook dedicato agli scrittori. Gabriella è una madre che ogni gi…