Passa ai contenuti principali

La creatività femminile e la rivoluzione tecnologica



Cari naviganti e cari prosumer,
sono del parere che tutte le cose possiedano un lato positivo e uno negativo e che il bicchiere sia mezzo pieno se lo si guarda dalla prospettiva giusta. C’è un tal parlare della dipendenza dal Web, dell'ossessione per i social network e della mania di controllare il cellulare diverse, troppe volte in un giorno, che ormai ogni cosa è considerata scontata. Come negarlo? Ci sono studi scientifici, servizi televisivi, articoli di blog dedicati che ne parlano.
Il fatto è che i più dimenticano che ogni rivoluzione tecnologica ha sempre portato i pro e i contro; pensate all’introduzione delle prime ferrovie e dei treni, grazie ai quali è stato possibile ottimizzare il tempo per i viaggi, per trasportare le merci e velocizzare così l’intero circuito produttivo della società e, allo stesso modo, pensate al numero di spiacevoli incidenti non previsti causati da queste invenzioni. Medesimo discorso per le prime automobili e, ancor di più, per le prime macchine inserite all’interno delle fabbriche, dove, se da un lato il lavoro è aumentato, dall’altro ci sono state altre conseguenze.
In ambo i casi e in tanti altri, ci sono state delle piacevoli reazioni a catena. Una di quelle che mi viene in mente, mentre scrivo questo post, è legata agli scrittori del passato che si sono lasciati ispirare dalle invenzioni del proprio tempo. Un esempio? (Solo uno dei tanti, sia chiaro!) La penna di Mary Shelley, tra l’altro figlia di un illuminista e di una pre-femminista, che è stata inevitabilmente influenzata dalle scoperte scientifiche della sua epoca e dagli esperimenti sul corpo umano, tanto da scrivere una delle opere letterarie più geniali e più riuscite di tutti i tempi: Frankenstein, o il Moderno Prometeo.
Probabilmente, senza gli avvenimenti avvenuti tra fine Settecento e inizi Ottocento, Mary Shelley avrebbe dedicato la sua vita alla scrittura per allontanare i propri personali dispiaceri e tragedie, ma non avrebbe scritto un’opera così bella, ispirando le successive generazioni di scrittori; in più, forse chissà, la serie Penny Dreadful non avrebbe visto nascere il bellissimo personaggio di Brona Croft.
La rivoluzione digitale portata dalla Rete Internet ha generato e sta generando influenze simili, grazie alla possibilità di creare progetti digitali interessanti e utili, proprio come gran parte delle fate coraggiose, che investono parte del proprio tempo nel curare e ideare blog: cucina e ricette, libri, vita da mamma, fitness, consigli fai da te, lezioni di lingua italiana e straniera che, ogni giorno, alleggeriscono la quotidianità degli utenti con suggerimenti pratici e semplici da seguire.
Senza la diffusione dei computer e degli smartphone tutto questo sarebbe stato impensabile. Siete d’accordo?

Post popolari in questo blog

5 Libri Horror da leggere nel mese di Ottobre

Cari naviganti e cari prosumer, 
state leggendo questo veloce post perché ottobre è il mese che inaugura la stagione delle vostre serate a base di serie tv. Siete in ottima compagnia! Aggiungo che lo siete ancora di più se avete bisogno di alternare gli appuntamenti con le vostre serie tv preferite alla lettura di un bel libro, che riempie mente, cuore e notti insonni. 
Ottobre è il mese perfetto per dedicarsi ai romanzi di genere horror.  Un po' per la mescolanza di tradizione nostrana e anglosassone, un po' per leggende e misteri, ottobre è il mese in cui iniziano a spuntare come funghi libri e racconti horror, film che hanno fatto la storia del cinema come Un Lupo mannaro americano a Londra, Il cimitero dei morti viventi e Nightmare giusto per citarne alcuni. 
Se cercate idee e suggerimenti per le vostre macabre letture, in questo elenco trovate 5 libri horror da leggere nel mese di ottobre: 
1) Carrie di Stephen King; 
2) Dracula di Bram Stoker; 
3) Frankenstein o il Mode…

5 Motivi per Leggere e Crescere

Cari naviganti e cari prosumer, avete una lunga lista di libri e state scegliendo il vostro preferito per poter leggere almeno dieci minuti al giorno? Siete sulla strada giusta perché leggere significa crescere in tutti i sensi. Ecco cinque valide ragioni che vi spiegano i benefici della lettura.
Il tempo dedicato alla lettura è un tempo occupato produttivamente perché leggere allunga la vita, come ho provato a spiegare in un post di qualche mese fa. In quello che segue, vi offro la mia opinione sul perché leggere equivale a crescere. I libri non sono mai passati di moda, ma grazie a blog e pagine instagram, la libromania sta trovando nuova linfa vitale. Ripetiamo continuamente che i social network a volte sono pericolosi, ma, tra i lati positivi dell'evoluzione digitale, c’è sicuramente la possibilità di scoprire libri belli ma poco noti, di confrontare diverse recensioni e farsi un’idea di ciò che si andrà a leggere prima di passare alla scelta di un titolo piuttosto che un …

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

5 curiosità sul libro e sul film "La Storia Infinita"

Cari naviganti e cari prosumer,
credetemi, La Storia Infinita, titolo originale Die unendliche Geschichte e meglio nota con il titoloThe Neverending Story,è davvero il libro dei libri per chi ama questo genere di letture. Voi, io e tanti altri nemmeno ancora eravamo nati né quando è stato pubblicato il libro (1979) né quando è uscito il film, che fece arricciare il naso allo scrittore Michael Ende, ma è una storia che chiunque dovrebbe conoscere e leggere almeno una volta nella vita, a qualsiasi età. Il contenuto che state per leggere è nato pensando alla nostalgia della dolce infanzia passata a sognare, come voi, di trovarmi al posto di Bastiano Baldassare Bucci per salvare Fantasia e l'Infanta Imperatrice. Così, facendo qualche ricerca, ho trovato un simpatico post pubblicato sul blog 80’s Kids e ho pensato di condividere con voi 5 curiosità sulla Storia Infinita;se poi iniziate a canticchiare “The neverending stoooooooooooooooooooryyy” non dite che non vi avevo avvertito. Che cos…