Passa ai contenuti principali

Frida Kahlo e l'autoritratto come forma di diario

L'immagine l'ho presa da qui 


Cari naviganti e cari posumer
se dovessi dedicare il mese di Luglio a una donna in particolare, non avrei dubbi sulla risposta: Frida Kahlo, una fata coraggiosa. Icona d’arte e  forza d’animo, nasce il 6 luglio 1907 in Messico, ma ha dichiarato a tutti di essere nata nel 1910, anno della rivoluzione messicana, evento al quale si sentiva molto legata.
Il fatto di aver cambiato l’anno di nascita la dice lunga sulla singolare personalità di Frida Kahlo e i suoi dipinti lo hanno confermato. Mai banali, mai egocentrici, mai nati per vezzo, seppur ispirati sempre al suo vissuto interiore ed esteriore, quasi come una sorta di diario fatto di pennelli e tavolozza, strumenti che le hanno permesso di esorcizzare passioni e sofferenze della sua movimentata vita, spesso trascorsa a letto a causa dei suoi problemi di salute.
Frida Kahlo è l’esempio di come trasformare persino il più atroce dei dolori in qualcosa di buono, proprio come ha fatto lei reagendo e lasciando emergere il suo brillante talento di pittrice.  Il letto, costante elemento delle sue giornate, è stato il mondo dove ha esplorato se stessa e l’arte iniziando a dipingere le parti del suo corpo e a produrre i suoi autoritratti, perché, dopo l’incidente del 17 settembre 1925,  il suo volto e il suo corpo erano la sola cosa che poteva vedere; probabilmente, se questa data non avesse segnato per sempre la sua vita, che lei ha spesso definito il giorno del suo funerale, forse avrebbe guardato alla vita con uno sguardo diverso, ma è certo che avrebbe ugualmente vissuto intensamente ogni attimo della propria esistenza, dove l’amore, soprattutto per il marito Diego Rivera, ha sempre avuto un ruolo di primo piano fino al giorno della sua scomparsa il 13 luglio 1954.


Post popolari in questo blog

Un libro da regalare a Natale

Cari naviganti e cari prosumer, 
il libro giusto da regalare a Natale è il mio romanzo d'esordio Un punto nel cerchio del tempo. Incredibile che siano già volati tre mesi da quando mi sono decisa ad autopubblicarlo.
Credo di aver compreso in pieno il significato della paura che ostacola il corso delle cose. Se penso a quanto tempo ho lasciato le protagoniste femminili Greta Le Clerc e Vittoria Benincasa chiuse in un freddo hard disk, mi chiedo perché non ho fatto prima la scelta di cui vado fiera.  Si dice che non impariamo solo dagli errori, ma anche dai piccoli progressi che facciamo.  Un punto nel cerchio del tempoè il mio piccolo grande passo verso una lunga serie di libri che ho deciso di pubblicare, di nuovo con self-publishing o con una casa editrice non lo so.  Quello che vi dico è che sarete felici di leggere o di regalare il mio libro perché è un genere di narrativa diverso. Anzi, sapete che nella fase iniziale avevo dei dubbi sul genere di collocazione? Poi, ho riflettuto…

L’amore di una mamma per un figlio. La fata coraggiosa Gabriella Schiavone

Cari naviganti e cari prosumer, conoscete il detto i figli so’ pezzi ‘e core? In queste poche paroline si racchiude il senso profondo dell’amore di una madre per un figlio e, aggiungerei, anche dei papà. Nella nostra vita possiamo conoscere tante forme di amore, ma quella che proviamo quando diventiamo genitori ci permette di comprendere l’immenso e infinito bene che provano per noi la nostra mamma e il nostro papà. In punta di piedi, vi racconto la storia della fata coraggiosa Gabriella Schiavone, esempio dell’amore di una mamma per un figlio. Lei non posta dolci, condivide la dolcezza di una mente rosa che ha positivamente sfruttato le potenzialità del mondo virtuale e delle parole per guidare suo figlio, un meraviglioso ragazzo con disturbi dell’apprendimento e attentivi, in ogni momento della vita. L’incontro tra noi due è avvenuto per caso, quando ho trovato la condivisione del suo concorso letterario in un gruppo facebook dedicato agli scrittori. Gabriella è una madre che ogni gi…

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…