Frida Kahlo e l'autoritratto come forma di diario

Passa ai contenuti principali

Frida Kahlo e l'autoritratto come forma di diario

L'immagine l'ho presa da qui 


Cari naviganti e cari posumer
se dovessi dedicare il mese di Luglio a una donna in particolare, non avrei dubbi sulla risposta: Frida Kahlo, una fata coraggiosa. Icona d’arte e  forza d’animo, nasce il 6 luglio 1907 in Messico, ma ha dichiarato a tutti di essere nata nel 1910, anno della rivoluzione messicana, evento al quale si sentiva molto legata.
Il fatto di aver cambiato l’anno di nascita la dice lunga sulla singolare personalità di Frida Kahlo e i suoi dipinti lo hanno confermato. Mai banali, mai egocentrici, mai nati per vezzo, seppur ispirati sempre al suo vissuto interiore ed esteriore, quasi come una sorta di diario fatto di pennelli e tavolozza, strumenti che le hanno permesso di esorcizzare passioni e sofferenze della sua movimentata vita, spesso trascorsa a letto a causa dei suoi problemi di salute.
Frida Kahlo è l’esempio di come trasformare persino il più atroce dei dolori in qualcosa di buono, proprio come ha fatto lei reagendo e lasciando emergere il suo brillante talento di pittrice.  Il letto, costante elemento delle sue giornate, è stato il mondo dove ha esplorato se stessa e l’arte iniziando a dipingere le parti del suo corpo e a produrre i suoi autoritratti, perché, dopo l’incidente del 17 settembre 1925,  il suo volto e il suo corpo erano la sola cosa che poteva vedere; probabilmente, se questa data non avesse segnato per sempre la sua vita, che lei ha spesso definito il giorno del suo funerale, forse avrebbe guardato alla vita con uno sguardo diverso, ma è certo che avrebbe ugualmente vissuto intensamente ogni attimo della propria esistenza, dove l’amore, soprattutto per il marito Diego Rivera, ha sempre avuto un ruolo di primo piano fino al giorno della sua scomparsa il 13 luglio 1954.


Commenti

Post popolari in questo blog

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

5 curiosità sul libro e sul film "La Storia Infinita"

Cari naviganti e cari prosumer,
credetemi, La Storia Infinita, titolo originale Die unendliche Geschichte e meglio nota con il titoloThe Neverending Story,è davvero il libro dei libri per chi ama questo genere di letture. Voi, io e tanti altri nemmeno ancora eravamo nati né quando è stato pubblicato il libro (1979) né quando è uscito il film, che fece arricciare il naso allo scrittore Michael Ende, ma è una storia che chiunque dovrebbe conoscere e leggere almeno una volta nella vita, a qualsiasi età. Il contenuto che state per leggere è nato pensando alla nostalgia della dolce infanzia passata a sognare, come voi, di trovarmi al posto di Bastiano Baldassare Bucci per salvare Fantasia e l'Infanta Imperatrice. Così, facendo qualche ricerca, ho trovato un simpatico post pubblicato sul blog 80’s Kids e ho pensato di condividere con voi 5 curiosità sulla Storia Infinita;se poi iniziate a canticchiare “The neverending stoooooooooooooooooooryyy” non dite che non vi avevo avvertito. Che cos…