La scelta del tipo di carattere in un libro

Passa ai contenuti principali

La scelta del tipo di carattere in un libro




Cari naviganti e cari prosumer, 

la colazione che ho immaginato di condividere con voi per discutere sull'importanza della scelta del tipo di carattere in un libro è preparata con una buona torta di mele accompagnata da una succosa tazza di latte e caffè. Quanto è importante per voi il font in un libro? Si tratta di una questione che divide in due il punto di vista: c'è chi pretende assolutamente un carattere classico, standard e definito e chi, invece, è in cerca di pagine innovative che mettano in primo piano il valore del contenuto.
Per quanto mi riguarda, bado poco al tipo di carattere e, anzi, apprezzo molto quando in un libro, di qualunque genere esso sia, ci sia una chiara intenzione sperimentale nello stile grafico dei caratteri, capaci di attirare la mia attenzione e di aumentare la mia curiosità.
Quel che conta è che a seconda del del tipo di font, le parole siano facilmente leggibili e che non distraggano durante la lettura. 
Quando si è alle prime armi con la scrittura di un libro, è preferibile optare per il classico Times New Roman, soprattutto quando giunge il momento di proporre la propria storia a un concorso letterario o a un'eventuale casa editrice, con la quale poi stabilire di comune accordo la scelta del carattere più opportuno e via discorrendo.
Alcuni lettori mi hanno chiesto perché nel mio libro "Un punto nel cerchio del tempo" sia stato scelto un carattere molto particolare, diverso da quelli che, di solito, si trovano in progetti simili, tanto che, qualcuno, ha pensato si trattasse di ingenuità o inesperienza; in realtà, ho volutamente inserito il carattere che si trova nelle pagine che raccontano la storia di Vittoria Benincasa e Greta Le Clerc e l'ho fatto perché mi piaceva particolarmente e soprattutto perché, trattandosi di narrativa fantastica, ho trovato più giusto orientarmi su uno stile diverso, tale da richiamare il viaggio del lettore all'interno di un mondo parallelo, onirico e fuori dagli schemi. 
Probabilmente, se e quando scriverò un nuovo libro, mi orienterò su uno stile ulteriore, ragionando sul tipo di contenuto che intendo raccontare. Lungi dal volervi impartire consigli in merito, secondo il mio personalissimo punto di vista,  se dovessi elencare i tre casi in cui scegliere un tipo di carattere standard, direi che sono i seguenti: 

1) manuali e guide; 
2) romanzi d'amore o gialli; 
3) testi dedicati ad argomenti scientifici e di studio.


Voi che cosa ne pensate sulla scelta del tipo di carattere? Concordate con il mio punto di vista? Fatemi sapere che cosa ne pensate!




Commenti

Post popolari in questo blog

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

5 curiosità sul libro e sul film "La Storia Infinita"

Cari naviganti e cari prosumer,
credetemi, La Storia Infinita, titolo originale Die unendliche Geschichte e meglio nota con il titoloThe Neverending Story,è davvero il libro dei libri per chi ama questo genere di letture. Voi, io e tanti altri nemmeno ancora eravamo nati né quando è stato pubblicato il libro (1979) né quando è uscito il film, che fece arricciare il naso allo scrittore Michael Ende, ma è una storia che chiunque dovrebbe conoscere e leggere almeno una volta nella vita, a qualsiasi età. Il contenuto che state per leggere è nato pensando alla nostalgia della dolce infanzia passata a sognare, come voi, di trovarmi al posto di Bastiano Baldassare Bucci per salvare Fantasia e l'Infanta Imperatrice. Così, facendo qualche ricerca, ho trovato un simpatico post pubblicato sul blog 80’s Kids e ho pensato di condividere con voi 5 curiosità sulla Storia Infinita;se poi iniziate a canticchiare “The neverending stoooooooooooooooooooryyy” non dite che non vi avevo avvertito. Che cos…