5 curiosità sulle fate che (forse) pochi conoscono

Passa ai contenuti principali

5 curiosità sulle fate che (forse) pochi conoscono




Cari naviganti e cari prosumer,
il piccolo popolo sopravvive da centinaia di anni e continua ad attirare l’attenzione dei curiosi, che si dilettano nella ricerca di prove sull'esistenza di gnomi, banshee, elfi, fate e folletti. Qualcuno può essere incredulo di fronte alla miriade di libri che trattano questo tema, ma, nei fatti, è difficile contare quanti e quali sono quelli più utili da leggere per saperne di più.
È complicato dire in poche righe tutto quello che riguarda il mondo delle fate perché ci sono così tante informazioni che spesso si fa confusione. L'elenco di alcuni punti di partenza sull'argomento è più facile per provare a creare una mappa sulle curiosità che riguardano gli esseri di un grande mondo incantato che, con l'arrivo dell'autunno, torna a essere protagonista dei libri da leggere e dei film da vedere sotto le coperte.
Più o meno tutti da piccoli ci siamo addormentati cullati dalle parole di fiabe che avevano almeno una fata o un elfo tra i protagonisti. Come dimenticare la Fata Turchina di Pinocchio o la particolare Trilly in Peter Pan? E le tre fate della Bella Addormentata nel Bosco? E la fata madrina? Ecco, ci siamo capiti.
L'ispirazione per questi personaggi è nata dalla mescolanza di una serie di leggende secolari che si sono tramandate di epoca in epoca e di popolo in popolo, dando vita a opinioni e credenze che ancora oggi hanno, si fa per dire, il magico potere di accendere discussioni e dibattiti sul tema. Quale miglior modo di saperne di più iniziando a piccoli passi con cinque curiosità sulle fate?

1) nell'immaginario collettivo le fate sono dipinte come esseri dal cuore buono. Vi suonerà strano, ma antiche leggende descrivevano le fate come esseri sì di bell’aspetto e dal cuore buono, ma anche dal carattere egocentrico e dispettoso, al punto tale che, se subivano un torto, reagivano inviando delle maledizioni. Aggiungerei che, probabilmente, negli anni, il culto delle fate si è unito a quello delle streghe, visto che, se non erro (correggetemi se sto dicendo una baggianata), a partire dal Medioevo, iniziarono a diffondersi scritti su fate e streghe e, forse, tramandando le fonti nel corso del tempo, qualche informazione potrebbe essere stata inserita in ambo “i mondi”;

2) le fate sono le protettrici della natura e sono da sempre dipinte come esseri minuti dall'aspetto esile e la pelle di porcellana, ognuna con un abito diverso a seconda della personalità;

3) in Italia, sono diversi i borghi da Sud a Nord con una tradizione locale legata alle fate;

4) la cultura delle fate nasce nella Grecia antica e si parlava di moire, ossia esseri che determinavano il destino e di parche per gli antichi Romani che, con questa accezione, facevano riferimento all'atto del partorire; in seguito, associando questi termini al destino, i Romani iniziarono a usare la parola fatum e poi fata, avviando le origini della tradizione popolare che, di epoca in epoca, si è diffusa in tutta l’Europa;

5) era il 1920 e due cugine di origine inglese, Elsie Wright e da Frances Griffiths, crearono un caso mediatico provando e raccontando di aver incontrato di persona delle fate. Le due ragazze mostrarono delle foto che le ritraevano in compagnia di un gruppo di fate, attirando l’attenzione di illustri scienziati e persino dello scrittore Arthur Conan Doyle, che dedicò molto tempo allo studio del caso delle Fate di Cottingley, zona di provenienza delle due cugine, e che si rivelò essere quello che oggi chiamiamo una fake news. Infatti, nonostante sia A. C. Doyle che gli scienziati coinvolti nell’analisi delle foto si convinsero che fosse tutto vero, si venne a scoprire che le immagini erano frutto di un lavoro di cartoncini e matite colorate; ancora oggi, molti si chiedono se la smentita del caso sia stata decisa per nascondere l'esistenza di un mondo parallelo o per evitare di diffondere una notizia finta.





Post popolari in questo blog

Le storie negli occhi

Cari naviganti e cari prosumer, ho letto un libro bellissimo intitolato “Le storie negli occhi di Vincenzo Patella con le illustrazioni di Chiara Stella Mauriello. Ho scelto di parlarvene perché la protagonista, Marcì, mi ha letteralmente rubato il cuore con la sua dolcezza e semplicità. Per fare un gioco di parole, Le storie negli occhiè una di quelle storie che si ama al primo colpo, soprattutto quando si è amanti di uno stile delicato e diretto come quello dell’autore del libro. Ho amato Marcì sin dalle prime righe: l’attesa della festa delle cime dei pini per vedere per la prima volta la Dama velata nel castello, che apre le porte una volta l’anno solo ai diciassettenni, e la sensibilità di trovare la meraviglia in ogni piccola cosa sono solo due dei fattori che hanno conquistato la mia lettura. Marcì coinvolge ecattura pagina dopo pagina attraverso la sua singolare passione: tracciare storie sulle pareti della sua stanza, segno di una fanciullezza che non dovrebbe mai svanire, nep…

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Una città magica accoglie il prodigio di San Gennaro

Cari naviganti e cari prosumer, vi piacerebbe assistere a un grande prodigio? C’è un posto nel mondo dove, per ben tre volte nel giro di un anno, avviene qualcosa di magico. È un luogo ricco di castelli, di storia, mito e tradizione e c’è chi giura di aver persino visto alcuni fantasmi aggirarsi per le strade principali nel cuore della notte. State pensando a Hogwartslo so, ma il luogo in questione è Napoli e sta a voi scegliere di raggiungerla tramite il binario 9 e ¾, con il Nottetempo o con altri mezzi. L’importante è trovarsi in una delle città più magiche del mondo il 19 Settembre: festa di San Gennaro, santo patrono di Napoli.
Gran parte dei napoletani attende trepidante il 19 settembre perché è in questo giorno che San Gennaro compie un grande miracolo: scioglie il suo sangue, segno di buon auspicio per la città. Folle di fedeli e curiosi accorrono ogni anno al Duomo di Napoli per assistere al prodigio, scatenando discussioni di stampo antropologico, sociologico, religioso e scie…