5 curiosità sul libro e sul film "La Storia Infinita"

Passa ai contenuti principali

5 curiosità sul libro e sul film "La Storia Infinita"


la-storia-infinita-libro-iraccontidellafatauncina


Cari naviganti e cari prosumer,
credetemi, La Storia Infinita, titolo originale Die unendliche Geschichte e meglio nota con il titolo The Neverending Story, è davvero il libro dei libri per chi ama questo genere di letture. Voi, io e tanti altri nemmeno ancora eravamo nati né quando è stato pubblicato il libro (1979) né quando è uscito il film, che fece arricciare il naso allo scrittore Michael Ende, ma è una storia che chiunque dovrebbe conoscere e leggere almeno una volta nella vita, a qualsiasi età.
Il contenuto che state per leggere è nato pensando alla nostalgia della dolce infanzia passata a sognare, come voi, di trovarmi al posto di Bastiano Baldassare Bucci per salvare Fantasia e l'Infanta Imperatrice. Così, facendo qualche ricerca, ho trovato un simpatico post pubblicato sul blog 80’s Kids e ho pensato di condividere con voi  5 curiosità sulla Storia Infinita; se poi iniziate a canticchiare “The neverending stoooooooooooooooooooryyy” non dite che non vi avevo avvertito.
Che cosa state aspettando? Fate partire la colonna sonora cantata da Lihmal e godetevi le 5 curiosità da sapere sulla Storia Infinita:
  1. a differenza del film, nel libro, Atreiu è un Pelleverde, ha una carnagione verde scuro che tende al marrone e  i capelli che virano tra il nero e l’azzurro;
  2. nel libro, Artax, il cavallo di Atreiu, è un pony dalle gambe corte e tarchiate, ma è ugualmente forte e corre veloce;
  3. sembra che per l’epoca, il 1984, la Storia Infinita fosse considerato un film estremamente costoso per l'industria cinematografica tedesca;
  4. non so se è vero, ma, a quanto pare, l'Auryn realizzato appositamente per il film è oggi in buone mani: quelle di Steven Spielberg, che lo custodisce in una vetrinetta del suo ufficio;
  5. il pupazzo realizzato per rappresentare il Drago della Fortuna, che nel film è chiamato Falkor, era realmente enorme!

Voi conoscete altre curiosità sul libro e sul film La Storia Infinita?


Commenti

Post popolari in questo blog

7 ragioni che spiegano perché leggere un libro allunga la vita

Cari naviganti e cari prosumer, sapete perché leggere un libro allunga la vita e vi rende felici? Credo si tratti di una domanda fondamentale che ci permette di riflettere su abitudini più o meno sane che influenzano il nostro stile di vita. Sì, proprio così, ho detto “stile di vita”.  Leggere è un’attività che dovrebbe essere raccomandata dagli esperti di salute perché credo sia uno dei segreti per vivere bene. È vero, avete ragione, i ritmi della vita quotidiana tolgono tempo alle attività di svago e mettono perennemente in primo piano solo e soltanto i doveri, ma una soluzione c’è. È sufficiente dedicarsi anche solo ai classici dieci minuti di lettura quotidiana per godere degli enormi benefici prodotti da un buon libro. Del resto, anche Umberto Eco, riferendosi ai vantaggi della lettura, ha parlato di immortalità all'indietro. Mai parole furono più sagge. Esistono tantissimi validi motivi per investire tempo prezioso nella lettura. Qualunque sia il genere che gradite, tuffatevi …

Recensione libro “La croce della vita”, il fantasy di Valentina Marcone

Cari naviganti e cari prosumer, avevo in programma da un bel po’ di parlarvi di un libro davvero ipnotico: il romanzo “La croce della vita”, volume della saga fantasy di Valentina Marcone, edito da Nativi digitali edizioni.

L'urban fantasy di Valentina Marcone strega il lettore dalla prima all’ultima parola. Sarà che parla di vampiri, ma è un libro che "succhia" letteralmente l’attenzione come il caro buon vecchio Dracula farebbe con un collo invitante e carico di sangue succulento. 
Sapete perché? Perché scrivere un libro fantasy non è affatto semplice.
Chi preferisce generi letterari diversi tende a credere che un testo basato su mondi immaginari e creature incredibili come fate, mostri, o, nel caso specifico di questo articolo, vampiri, sia come accendere il motore di una macchina e partire in quarta senza una meta, buttando qui e lì espressioni, azioni, emozioni e conseguenze suggerite dall'istinto. 
Creare un mondo da zero è tutt’altro che semplice ed è lontano dal…